CASERTA, PRIMARIO VIENE LICENZIATO DOPO LA MORTE DI UN PAZIENTE

Un medico che prestava servizio all’ospedale di Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta è stato licenziato dopo la morte di un paziente di 55 anni deceduto a seguito di un intervento chirurgico. I fatti risalgono allo scorso febbraio, quando un primario del reparto di Emodinamica e Cardiologia decise di effettuare sul paziente un intervento chirurgico nonostante nella cartella clinica dello stesso mancasse la classe del “rischio anestesiologico” erroneamente “dimenticato” da uno specializzando senza tutor. Così il tragico epilogo che ha portato alla morte del paziente avvenuta dopo l’operazione.

La causa della morte, secondo la magistratura che sta indagando sul caso, è legata all’intubazione. La pensa allo stesso modo il manager dell’ospedale di Caserta Mario Nicola Vittorio Ferrante il quale dice che il medico-primario va licenziato subito senza preavviso. Il destino di Gregorio Salvarola (questo è il nome del medico) è ora nelle mani del consiglio di disciplina il quale valuterà se licenziarlo o meno. L’inchiesta interna è partita parallelamente alla denuncia dei famigliari del paziente deceduto.

A difesa del primario Salvarola sono intervengo diversi colleghi dell’imputato i quali affermano che il primario quel giorno chiamò uno specializzando di un suo collega primario per farsi aiutare ad inserire i dati nella cartella clinica sul computer. Affidò l’incarico al tirocinante senza però controllare se lo stesso inserisse tutti i dati correttamente. Infatti l’accusa che viene mossa al primario è quella di aver dato l’ordine a uno specializzando senza tutor.

Infine lo stesso manager dell’ospedale casertano è tornato sulla vicenda affermando che “Il messaggio che deve passare è che l’azienda ospedaliera di Caserta è del malato non dei medici. Questo caso non poteva passare indisturbato. C’è anche un’indagine della magistratura in corso”. 

Previous SPARATORIA NEL SALENTO : DUE FERITI
Next Sabato 26 maggio, alle ore 16, in piazza Mercato, la partita tra Carabinieri e ragazzi – e alle ore 20,00 il concerto per la legalità

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

QUALE FUTURO PER IL COMPARTO AEROSPAZIALE CAMPANO? QUALI PROSPETTIVE DI CRESCITA? CRESCE LA PREOCCUPAZIONE DELLE SIGLE SINDACALI CAMPANE!

Non poche ombre si stanno addensando sul futuro del comparto aerospaziale campano. L’Alenia Aermacchi, pilastro del colosso parastatale Finmeccanica, rischia di subire una serie di ridimensionamenti che porterebbero non pochi problemi in

Qui ed ora

IL MINISTRO PER GLI AFFARI REGIONALI, ENRICO COSTA, SI DIMETTE: “NON POSSO FAR FINTA DI NON VEDERE LA SCHIERA DI COLORO CHE SCORGONO UN CONFLITTO TRA IL MIO RUOLO ED IL MIO PENSIERO “

Il ministro centrista per gli Affari regionali,  Enrico Costa, si è dimesso con una lettera indirizzata al presidente del Consiglio. La decisione di dimettersi per tornare in Forza Italia era nell’aria già dal giorno dello stop

Qui ed ora

Si rovescia scuolabus nel Padovano, feriti sette studenti

Sette studenti tra i sette e i quattordici anni sono rimasti feriti ad Arquà Petrarca (Padova) per il rovesciamento su un fianco di uno scuolabus. I ragazzi sono stati soccorsi

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi