Caso Regeni: Si cerca di  recuperare le immagini delle telecamere di tutte le stazioni della linea 2 della metropolitana del Cairo a due anni dalla morte

Si cerca di  recuperare le immagini delle telecamere di tutte le stazioni della linea 2 della metropolitana del Cairo, infatti,  il team di esperti russi nominati nell’ ambito dell’inchiesta sul sequestro e la morte di Giulio Regeni, trovato privo di vita il 3 febbraio del 2016. Attualmente nella capitale egiziana, alla presenza degli inquirenti e tecnici italiani e cairoti, è iniziata l’attività di recupero delle immagini. La procura generale di Egitto ha recepito la rogatoria firmata dal procuratore capo Giuseppe Pignatone e dal sostituto Sergio Colaiocco del febbraio 2016, stabilendo che l’attività di estrapolazione delle immagini non si limiterà alle stazioni El Bohoth e Dokki (in quest’ultima fu agganciato per l’ultima volta il cellulare di Regeni ndr) ma riguarderà l’intera linea.
Lo scopo  di chi indaga è individuare la presenza nelle stazioni di poliziotti o agenti della National security coinvolti nelle indagini tra le 19 e le 21 del 25 gennaio del 2016, giorno in cui si sono perse le tracce di Regeni.

 © ANSA

Previous Governo, Lega-M5s: ok a contratto. Mattarella attende testo definito
Next TEATRO SANCARLUCCIO :IN ANTEPRIMA NAZIONALE , ANDRA' IN SCENA LO SPETTACOLO TEATRALE "IO SONO CLAUDIA"

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Polonia, Pittella: “Se il Governo Polacco continua ad ignorare lo stato di allarme a Bruxelles, bisogna pensare a possibili procedure di inflazioni”

Il Governo polacco sta costantemente compromettendo lo stato di diritto e la base legale della democrazia in Europa . Lo sostiene Gianni Pittella , capogruppo dei socialdemocratici al Parlamento europeo.

Qui ed ora

MOSCA: UN AEREO DI LINEA RUSSO PRECIPITA, 71 PERSONE A BORDO PERDONO LA VITA

A Mosca un aereo di linea russo con 71 persone a bordo, un Antonov AN-148, è precipitato poco dopo essere decollato dall’aeroporto Domodedovo di Mosca. Nessuno ne è uscito vivo,

Qui ed ora

VANDALIZZATA SEDE INFORMAGIOVANI DI NAPOLI. MEDEA: “SIAMO PARTE LESA”.

Nella notte tra il 20 e il 21 giugno la sede dell’Informagiovani del comune di Napoli, sita all’interno della Galleria Principe di Napoli è stata oggetto di atti vandalici. La

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi