CATACOMBE SI SAN GENNARO, I RAGAZZI DELLA PARANZA SMENTISCONO LA RICHIESTA DI VERSAMENTO PER GLI ARRETRATI

Non sarebbe mai stata fatta  alcuna richiesta di versare gli arretrati, accumulati in 10 anni di gestione delle catacombe di San Gennaro, da parte dei ragazzi della Cooperativa La Paranza. In un documento, si legge che la Commissione di Archeologia Sacra della Santa Sede “accetta di azzerare il debito pregresso”, sottolineando che nessuna somma arretrata è stata mai chiesta, i ragazzi della cooperativa fanno sapere che “preferiscono lavorare in silenzio e attendere l’avvio del confronto per la nuova convenzione così come indicato dal cardinale Crescenzio Sepe”.
Un documento, quindi, che sembra andare ad allontanare il rischio che, anche in sede di rinnovo della convenzione, possa essere chiesta una somma stimata in 700mila euro per 10 anni di attività, sarebbe troppo una pretesa visto quello che si ha avuto, un lavoro sicuro in un posto bellissimo di Napoli, un lavoro nella propria città, vicino i propri familiari. Già questa è un’enorme fortuna, oggi come oggi.

Previous NUNZIATELLA, 84 NUOVI ALLIEVI GIURANO FEDELTA'
Next Giornata mondiale dei poveri. Papa Francesco:"L'ingiustizia è la radice perversa della povertà".

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

In occasione dell’alluvione è stato straordinario il contributo dei media locali

“Ancora una volta il contributo della stampa sannita, in ogni sua espressione, è stato coerente con la sua tradizione che ha visto sempre gli operatori dell’informazione locale in prima linea

Qui ed ora

DROGA: MAXI BLITZ NEL CASERTANO

Sessantasette persone arrestate, con cinque organizzazioni dedite allo spaccio di droga, smantellate in tre province campane, Caserta, Napoli e Avellino: sono i numeri della maxioperazione “White Stone” (pietra bianca) realizzata

Qui ed ora

De Magistris resta sindaco: il Consiglio di Stato respinge i ricorsi

Luigi De Magistris resta sindaco di Napoli. Respinti dal Consiglio di Stato i ricorsi del Governo e di due associazioni, il Movimento difesa del cittadino e l’Associazione lotta piccole illegalità,

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi