CATALOGNA SPACCATA IN DUE :MAGGIORANZA DI DUE SEGGI A SECESSIONISTI!

La Catalogna continua la sua lotta senza nessun cenno di resa , e ha scelto di insistere nel processo di indipendenza che potrebbe portarla fuori dalla Spagna. Gli ultimi risultati delle elezioni documentano una situazione ancora in bilico e incerta , ma hanno attestato comunque la superiorità del movimento indipendentista . I partiti del fronte secessionista  infatti hanno conquistato la maggioranza con 70 seggi sui 135 del Parlamento catalano. In un voto decisivo per il futuro della regione la Catalogna si è spaccata in due ma gli elettori hanno confermato la fiducia nel blocco dei partiti che ha guidato Barcellona allo scontro frontale con Madrid e che sembrava essersi sfaldato dopo l’intervento del governo di Mariano Rajoy che per contrastare la ribellione nazionalista aveva azzerato le istituzioni catalane. Il movimento indipendentista nel complesso ha perso voti , ma il suo 47.5 % la conferma alla guida regionale , anche grazie all’importante sostegno della Cup , la sinistra estrema , nella speranza che sappiano ricomporre alcune anomalie presenti in questa campagna elettorale. A meno di due mesi dalla proclamazione della “Repubblica” e dall’immediata decapitazione da parte di Madrid, la regione ribelle è riuscita a tornare in campo e a infliggere un ulteriore sonoro colpo politico a Rajoy. L’altro grande dato politico delle elezioni è il successo di Ciudadanos, la versione catalana dei Ciudadanos di Albert Rivera, il partito più duramente unionista, che diventa la prima formazione della regione vampirizzando il Partido Popular . Il movimento unionista , capitalizzando sulla crescita del nazionalismo spagnolo anche in Catalogna, ha ottenuto 37 seggi che le hanno permesso di ottenere il primato nei voti. Per il potere spagnolo è comunque una chiara disfatta. Il candidato di Rajoy in Catalogna , Xavier Albiol, aveva promesso di spazzare via gli indipendentisti , ma ecco che per i Popolari di Rajoy è giunta una sconfitta netta , che non lascia adito ad alcuna incertezza : appena il 4 % dei voti e seggi scesi da 11 a 4.. Una vittoria ancora più scottante per Madrid , se consideriamo che le elezioni hanno fatto registrare un picco di partecipazione elevatissimo, con l’82 % che si è recato al voto , a testimonianza dell’affluenza incredibile. Gli scenari delle prossime settimane si fanno ora complicati. Il principale candidato alla presidenza della Catalogna, Puigdemont, si trova in Belgio, e se rimette piede in terra spagnola sarà arrestato. Proprio il governatore destituito è stato tra i primi a prendere parola , per commentare la situazione immediatamente successiva al risultato delle elezioni : “Lo Stato spagnolo ha perso. La Repubblica catalana ha sconfitto la monarchia spagnola e ha sconfitto l’articolo 155 . C’è stata una partecipazione record, storica, con un risultato che nessuno può mettere in discussione. Rajoy è stato sconfitto, ora servono una rettifica, una riparazione e la restituzione della democrazia”.

Alessandro Gerardo De Rosa

Previous NAPOLI: IL MUSEO DEL MANN RAGGIUNGE QUOTA 500 MILA VISITATORI NEL 2017
Next ESPLOSA UNA BOMBA CARTA NEL NAPOLETANO, UOMO RIMASTO UCCISO DAL COLPO E DONNA RIMASTA FERITA

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

Il padre di Finnegan Lee Elder, il giovane accusato di aver accoltellato il vicebrigadiere Rega, è nel carcere per un colloquio con suo figlio

La prima e maggiore preoccupazione di Ethan Elder, 61 anni, riguarda la salute del figlio Finnegan Elder, il diciannovenne che ha confessato di avere ucciso con undici coltellate il vicebrigadiere Mario

ultimissime

SANITA’ M5S: “DE LUCA ABBIA IL CORAGGIO DI RECARSI ALL’ANNUNZIATA E INCONTRARE I CITTADINI DEL QUARTIERE”.

L’Ospedale SS. Annunziata di Napoli chiude definitivamente. I 20 posti letto di pediatria e la Terapia intensiva neonatale dovrebbero tornare al Santobono. Le proteste dei cittadini non mancano. I 5

ultimissime

Concorsone Navigator. Sette su dieci sono donne. Si è presentato uno su tre candidati.

Al concorso per navigator alla fine della tre giorni di prove a Roma si è presentato uno su tre candidati attesi: 19.587 su 53.907, cioè il 36,33%. Lo comunica Anpal

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi