Cavie umane per testare farmaci. Scandalo in Svizzera, test illegali su pazienti.

La clinica psichiatrica di Basilea ha testato su pazienti medicinali non omologati negli anni tra il 1950 e il 1970. E’ quanto risulta da un esame di 330 cartelle cliniche e rapporti annuali effettuato dall’Università di Berna. Una conferma è giunta dopo le anticipazioni fornite da SRF. Non è chiaro se i pazienti fossero a conoscenza della natura delle sostanze che assumevano. Secondo lo studio sono state provate almeno 60 sostanze, alcune delle quali mai autorizzate per i loro effetti collaterali. Secondo lo studio “ben più di 1’000 persone erano coinvolte” e ci fu una stretta collaborazione con l’industria farmaceutica. E’ il quarto caso del genere che emerge in Svizzera. Quest’inchiesta, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, non è la prima che svela come alcune aziende che nel passato hanno dimostrato di avere pochi scrupoli avrebbero approfittato dei bisogni o dell’ignoranza dei cittadini per provare sulla pelle di questi gli effetti di farmaci in sperimentazione. Un fatto che già con estrema preoccupazione per non dire rabbia, pensavamo fosse isolato ai paesi in via di sviluppo, con la complicità delle amministrazioni e delle autorità locali, ma che secondo altre indagini giornalistiche avrebbe base anche nel cuore d’Europa dove giovani e meno giovani spinti dalla crisi, tutt’oggi si farebbero cavie per poche centinaia di euro.

Previous TARTAGLIONE(PD):"mi chiedo quanto i napoletani si possano appassionare a un continuo braccio di ferro tra amministratori, che alla base pare abbia motivi elettorali o la volontà di screditare l’uno o di rubare la scena dell’altro. Di sicuro, in questo clima da guerra civile, è difficile entrare nel merito di temi così seri e provare a elaborare una soluzione."
Next COPPA ITALIA , NAPOLI-JUVENTUS : SCATTA LA REMUNTADA AZZURRA

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

Milano, Rischio di paralisi del mercato immobiliare per gran parte del vecchio edificato

Partecipando ad un dibattito sulla situazione del Comune di Milano e sulle criticita’ aperte, il presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici ha richiamato l’attenzione sul problema aperto dall’ art.11 del

ultimissime

Gentiloni riferisce alle Camere: “Credo che non possiamo accettare che si torni a 100 anni dalla fine della Prima Guerra Mondiale a legittimare l’uso della armi chimiche, non possiamo accettarlo”

“Credo che non possiamo accettare che si torni a 100 anni dalla fine della Prima Guerra Mondiale a legittimare l’uso della armi chimiche, non possiamo accettarlo”. Così si è espresso

ultimissime

MUORE IL PICCOLO ALFIE EVANS, DOPO SEI MESI DI BATTAGLIE LEGALI E NON

Alfie Evans è morto. I genitori  Tom e Kate,  hanno voluto condividere su Facebook il dolore per la perdita del figlio di 23 mesi, colpito da una grave  patologia neurodegenerativa.”Al

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi