Celion Dion: “L’importanza di instagram per mostrarsi come persone normali”

Quello che è Céline Dion oggi è quello che Céline Dion mostra sui social? Almeno in larga parte, e potremmo chiuderla qui. Nell’era dei cinquantenni su Instagram e delle star che scendono dai piedistalli per mostrarsi come persone normali, l’allure da diva dell’usignolo canadese non si dissolve mai. Nemmeno nei momenti più dolorosi della vita privata di Céline Dion della quale, sia detto, non fa mistero alcuno. La cantante di Couragela parola che intitola il suo ultimo disco e che descrive gli ultimi anni di Céline Dion, ha sempre di più scelto la via social per raccontarsi, punteggiando di foto personali un feed creato ad arte.

Scrollare il profilo ufficiale di Céline Dion su Instagram significa entrare in un universo personale di amori, affetti, lutti, preparazioni atletiche per spettacoli e tour, falcate fuori dalle passerelle dei fashion show di cui è diventata ospite fissa e gradita. La Celine Dion icona di stile che gli stilisti si contendono per la sua inarrivabile capacità di osare, mixa gli scatti posati alle foto da diva, ai meme scherzosi, alle istantanee dai palchi del suo tour, al backstage assieme a una crew molto unita. Con un tocco di (auto)ironia che alla cantante non è mai mancato, ma che l’agiografia da eroina tragica alimentata dall’accoppiata Céline Dion-Titanic le impediva di rivelare. Se ne è liberata definitivamente nel momento in cui ha capito che divertirsi non era un peccato e non doveva aderire per forza al ruolo di vedova triste della pop music. Che poteva osare, infischiandosene dei commenti altrui. E da lì i je m’en fous sono stati all’ordine del giorno.

Non che eviti argomenti per parlare solo di sé: questo mai. Partecipa ai dibattiti di pubblica opinione spingendo sul suo ruolo di star e vera influencer, raramente parla di politica stretta, ma è sempre ben chiara sulle cause che le stanno a cuore. Con una foto assieme a un koala ha invitato i fan a donare alle organizzazioni che si occupano della ricostruzione dopo gli incendi in Australia. Ed è sempre forte il suo richiamo ad appoggiare la causa LGBTQ+ non solo ai Pride in giro per il mondo, ma tutti i giorni. Ma è nel piccolo e privato che Céline Dion si spoglia di ogni sovrastruttura da diva e si veste di essenza personale: i flash di dolcezza analogica evocano ciò che è stata in passato, senza filtri, guardando indietro con tutta la tenerezza di cui è capace. Celine Dion mette a conoscenza i fan invitandoli alla partecipazione, paladina di una maniera gentile di gestire il suo status di personaggio pubblico. La scomparsa della madre Thérèse Dion lo scorso 17 gennaio, colei che affettuosamente veniva universalizzata in Maman Dion, è stata l’occasione per un’inedita foto dell’intera famiglia della cantante, con 14 fratelli e i genitori, e il richiamo a una dedica che dal palco di Miami del tour ha toccato spettatori e followers.

Ci sono i compleanni dei tre figli di Céline Dion, il primogenito Réné-Charles e i gemelli Nelson e Eddy, per i quali mise in stand-by la sua carriera stellare. E su di loro, amaramente, ha dovuto leggere anche commenti negativi e cattiverie gratuite. Come se non fossero bastati gli attacchi e il bodyshaming nei suoi confronti per quel “Celin Dion magra da far paura” che ha costellato tante pubblicazioni proprio dopo una sua foto su Instagram, e che l’ha spinta a un duro contrattacco dove per la prima volta ha dovuto chiedere di dover essere lasciata in pace. Ma la sua forza social le ha restituito il bello della condivisione. Così come nel ricordo immancabile della morte del marito Angelil Renè, amato e onorato anche oltre quella vita in cui si è battuto più volte contro un male incurabile, lo stesso che nel 2016 se lo è portato via. “Non c’è giorno che non pensi al tuo bellissimo sorriso. Ci manchi, grazie per guardarci dall’alto, amore mio” ha scritto la cantante nell’ultima foto che gli ha dedicato. Il diario segreto di Celine Dion è un profilo Instagram pubblico, aperto, condiviso. Dove non nascondersi mai più.

Previous San Giorgio a Cremano per lo sport e il sociale: il Palaveliero inaugura una pista di pattinaggio di 800 mq e la sua prima panchina rossa
Next Galway: la città dove si respira lo spirito nell'Irlanda è capitale della cultura 2020

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

CALABRIA, BASILICATA E CAMPANIA UNITE PER CREARE IL “PARCO DEL MEDITERRANEO”

L’unione delle aree protette della Basilicata, della Campania e della Calabria può portare alla creazione del “Parco del Mediterraneo”, ovvero a uno dei più grandi spazi, in Europa, in cui

Officina delle idee

PARTE L'”HOUR OF CODE” : L’INIZIATIVA DI APPLE CHE INSEGNA IL LINGUAGGIO DI PROGRAMMAZIONE AI BAMBINI E RAGAZZI DI TUTTO IL MONDO

Hour of Code, è l’iniziativa promossa da Apple per portare – gratuitamente – il linguaggio del coding al cospetto di bambini e ragazzi di tutto il mondo. L’evento di quest’anno avrà luogo

Officina delle idee

Giovanna Parlante, imprenditrice minacciata, a Tgcom24: “Io vittima della mafia foggiana”

La mafia foggiana è diventata una emergenza nazionale. Lo ha certificato anche la Direzione distrettuale antimafia in una audizione al Parlamento. Ecco il racconto a Tgcom24 dell’l’imprenditrice Giovanna Parlante, titolare della pizzeria

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi