CHI RIDE ULTIMO, IL COMPALIT 2015 A NAPOLI

Parlare di satira, in quest’anno che è cominciato con la terribile strage alla redazione di Charlie Hebdo, è una cosa maledettamente seria sono le parole di Edoardo Massimilla, Direttore del Dipartimento di Studi Umanistici della Federico II, che segnano l’apertura di questo Compalit 2015, e che ci portano ad evidenziare almeno due dati importanti.

Prima di tutto, perché quest’anno l’Associazione per gli Studi di Teoria e Storia comparata della Letteratura torna a Napoli dopo il convengo del 2008, e lo fa per arrivare per la prima volta alla Federico II, unendo il prestigio dell’Associazione all’eccellenza e la storia dell’ateneo napoletano. Non è un caso che il luogo scelto per ospitare i tre giorni del convengo, dal 16 al 18 dicembre, sia l’Accademia Pontaniana, che porta con sé l’odore della cultura che si respira da secoli e ancora non invecchia. Da Massimo Fusillo a Thomas Pavel, passando per Guido Mazzoni, Clotilde Bertoni, Ugo M. Olivieri e tanti, tantissimi altri (il programma completo con i nomi dei partecipanti e le rispettive relazioni è visibile sul sito del Compalit), e naturalmente il Presidente Federico Bertoni e Francesco de Cristofaro, docente di Letterature comparate dell’ateneo federiciano, sono tantissimi gli studiosi che quest’anno propongono su e intorno al tema della risata critica e destrutturante, di quella che non attiene al comico fine a sé stessa, ma è parte integrante di una visione a 360 gradi del mondo di ieri e di oggi, e che quella visione contribuisce a costruirla attivamente. Che sia la satira o l’umorismo, senza disdegnare nessuno dei linguaggi attraverso cui si esprime la nostra società, non soltanto il romanzo e la poesia, ma anche il cinema, il teatro, la televisione, il graphic novel, il fumetto e il web.

Il secondo motivo è chiaramente lampante, e più precisamente attinente al tema di quest’anno. Si potrebbe dire, banalmente, che oggi più che mai abbiamo bisogno di ridere, e sarebbe vero, anche se non basta. Ci sarebbe da aggiungere che ridere è sempre stato essenziale, ed è sempre stato, per riprendere le parole di Massimilla con cui abbiamo iniziato, una questione maledettamente seria. Proprio perché non si tratta di ridere e basta, ma di arrivare a comprendere noi stessi attraverso il riso, come eravamo e come siamo oggi, i nostri errori, le nostre contraddizioni, i nostri miti, persino l’etica e i valori. Nel calderone, per così dire, Balzac, Sterne e il Don Chisciotte, ma anche Totò, Blob e i riti funebri del Giappone contemporaneo, perché se l’obiettivo primario è arrivare a capire qualcosa in più di noi, non bisogna dimenticare che si deve pur sempre partire dalle radici. Il passato e il presente, l’uno al servizio e in compagnia dell’altro.

Il Compalit di quest’anno è dedicato a Giancarlo Mazzacurati, che all’Università di Napoli Federico II studiò prima e insegnò poi. Nel ventennale della sua scomparsa, l’omaggio e la dedica, in particolar modo nella relazione di chiusura di venerdì pomeriggio, sarà per lui.

 

Previous La SSC Napoli presenta il Calendario Ufficiale 2016
Next L’ASTRONAUTA PARMITANO: “ORGOGLIOSO DI CONTRIBUIRE ALL’EVOLUZIONE A NOME DEL NOSTRO PAESE E DELL’AERONAUTICA ITALIANA”

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Orecchiette: il simbolo della Puglia vola al Travel show di New York

Le orecchiette volano a New York. Un mese dopo il reportage del New York Times che parlò di “crimine di pasta”, scatenando la “guerra delle orecchiette”, oggi la tipica pasta pugliese si

Approfondimenti

OGGI ACCADDE : 2 GENNAIO . DALLO SPIONAGGIO DEL 1942 IN USA , PASSANDO PER LA MORTE DI FAUSTO COPPI , FINO AD ARRIVARE ALLA VITTORIA DEL NAPOLI CONTRO IL CAGLIARI NEL 1966

Il 2 Gennaio è una data ricca di avvenimenti  storici , politici , culturali ed anche sportivi, che hanno caratterizzato e resa importante questa giornata. Per quanto riguarda gli eventi

Approfondimenti

SANTA MARIA A VICO ,ARRIVA L’EVENTO “PROGETTO ORIANA “

L’amministrazione comunale di Santa Maria a Vico, guidata dal sindaco Andrea Pirozzi e Veronica Biondo delegata alle politiche sociali, presentano: il “Progetto Oriana”, finalizzato a sostenere l’occupazione femminile. Giovedì 25

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi