Chiedevano il ‘Pizzo’ ad una ditta incaricata della raccolta dei rifiuti

Chiedevano il ‘Pizzo’ ad una ditta incaricata della raccolta dei rifiuti nel Napoletano. E per costringere il titolare a versare la tangente, gli uomini del clan Moccia  bruciarono anche un autocompattatore. Cinque le ordinanze di custodia cautelare in carcere .
Le indagini hanno accertato le responsabilità di una articolazione del clan Moccia in un raid incendiario contro la ditta aggiudicataria dell’appalto per la raccolta dei rifiuti solidi urbani ad Afragola per costringere il titolare al pagamento del pizzo al clan. Il raid fu messo in atto l’11 agosto 2017 dopo l’ennesimo tentativo estorsivo cui il titolare della società non aveva dato seguito.

Previous ATTENTATO A KABUL, 40 PERSONE MORTE
Next CYBERSICUREZZA: L'ANNO 2018, IL PEGGIORE DI SEMPRE

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

TERRORISMO ,POST ATTENTATO DI BARCELLONA : 24 ARRESTI E 157 MEZZI SEQUESTRATI

Un’operazione alto impatto dell’antiterrorismo, dopo l’attentato di Barcellona, ha portato la Polizia a controllare,  27.043 furgoni in prossimità dei centri storici delle città. Sono stati 24 gli arresti e 114

Qui ed ora

VOMERO, PANICO A VIA CALDIERI: SI TRATTA DI INCENDIO DOLOSO

Nella giornata di ieri si è verificato un’ennessimo incedio nel capoluogo campano. Questa volta ad essere stato colpito è stata una zona del Vomero, più precisamente via Omodeo, che si

Qui ed ora

Nuova ‘stesa’, danneggiate auto a Napoli

Ennesima ‘stesa’, ossia raid intimidatorio della criminalità, a Napoli: la Polizia di Stato ha recuperato dieci bossoli in via Sorrento, alla periferia orientale della città. I colpi esplosi, probabilmente la

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi