CIAMBRIELLO:”LA TESTIMONIANZA DI DON GIUSEPPE DIANA CHE FA DELLA GIUSTIZIA LA VIA PRIORITARIA PER GIUNGERE ALLA LIBERTA’.”

Sono trascorsi 26 anni dalla pubblicazione del documento“per amore del mio popolo” che don Peppe Diana e i confratelli sacerdoti della Forania di Casal di Principe(otto parroci) vollero consegnare alla popolazione e alle persone di buona volontà. Era il 25 dicembre, Natale del 1991.Venticinque anni dopo ancora non si deve tacere,in nome di un popolo che vuole risorgere, dalla tirannia della camorra.
” E’ bene che si rinnovi questo appello perchè la terra nostra sta sempre in prima pagina. E’ importante perchè tutti, e soprattutto i giovani, hanno bisogno di ricordare don Peppe e quello che facemmo con semplicità ma con determinazione”, così riflette don Armando Briccoletti,uno dei parroci che firmarono il documento insieme a don Diana. Ancora oggi lo voglio ricordare il confratello don Peppe, con il quale ho studiato teologia.
“Forse non ci rendemmo subito conto della straordinaria vitalità che avevano quelle parole, della profezia che conservavano in sé, dell’orizzonte nel quale si sarebbero poi collocate. Fu l’assassinio di don Giuseppe Diana, avvenuto il 19 marzo1994, a rendere quel documento veramente unico, uno spartiacque tra il vecchio e il nuovo, tra la salvezza e la prigionia camorristica, tra il deserto e la terra promessa, fu quella morte atroce a prefigurare cioè una nuova terra e un nuovo cielo per questi territori così fortemente martoriati dalla violenza e dalla sopraffazione”.
Questi sacerdoti,mandati come agnelli in mezzo ai lupi, in luoghi dove c’erano corrotti e collusi con la camorra anche tra uomini dello Stato,hanno seminato tanti fiori che portano avanti quelle idee e quella battaglia,quel grido e quel bisogno di liberazione. In quel documento don Peppe non si limita a denunciare il male e le omissioni,ma mette in luce le radici e le possibili vie di guarigione con una forza e con una sorprendente lucità che ritroviamo oggi nelle parole di papa Francesco.
Un messaggio che deve diventare monito,una meditazione che deve diventare azione,a sporcarsi le mani,a non guardare dall’altra parte.

A distanza di 26 anni, quelle preoccupazioni, ci interpellano profondamente, anche se le guardiamo con occhi diversi, con lo sguardo di chi vigila, vede l’ingiustizia e la denuncia, con la ragione di chi ricorda il passato e se ne serve per cogliere nel presente il nuovo che avanza, che fa della giustizia la via prioritaria da seguire per giungere alla libertà.
Ricordare quel documento non è un atto ripetitivo, ma è fare memoria, per narrare, da una generazione all’altra, il senso di una storia fatta di soprusi e violenze, ma anche di resistenza e di liberazione. Sapendo anche che le  crisi per le liberazioni che non portano i frutti che vorremmo sono tipiche di ogni avventura umana vera. Però, noi credenti, sappiamo che il fiore della salvezza sboccia nel letame del male.

Previous ADDIO GUALTIERO MARCHESI , ICONA DELLA CUCINA ITALIANA
Next TOMBOLA VAJASSA DI FINE ANNO AL TEATRO PORT’ALBA

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

ZUFFE PRIVATE E PUBBLICHE VIRTU’. IL CASO INSINNA-STRISCIA LA NOTIZIA.

Non è certo elegante che una azienda si adoperi ad azzoppare i prodotti dei concorrenti, ma Striscia (il report quotidiano di Canale 5) lo fa regolarmente e, fin qui, pazienza.

Officina delle idee

Campania: nasce l’Osservatorio del pomodoro

E’ nato  l’Osservatorio del Pomodoro. L’iniziativa interdisciplinare  all’Oro Rosso del Sud è promossa da Patrizia Spigno di Arca 2010, Paolo Russo di Funky Tomato, i “Pummalier. Sommelier del pomodoro del

Officina delle idee

“SPORT E LEGALITÀ”: IL 31 MARZO TRIANGOLARE IN RICORDO DI CIRO ESPOSITO ALL’ARCI DI SCAMPIA

Si disputerà oggi, giovedì 31 marzo, alle ore 20.00 all’Arci di Scampia in via Fratelli Cervi, il triangolare “Sport e legalità” in ricordo di Ciro Esposito, il tifoso azzurro morto

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi