Cimitero completamente accessibile ai diversamente abili per le celebrazioni del 1 e 2 novembre

 

San Giorgio a Cremano, sarà un cimitero completamente accessibile ai diversamente abili quello che per la celebrazione dei defunti accoglierà centinaia di persone in visita ai propri cari. Terminati gli interventi che hanno abbattuto definitivamente le barriere architettoniche anche presso l’ingresso monumentale e installato passerelle nei viali centrali, l’amministrazione ha disposto celebrazioni nei giorni del 1 e del 2 novembre d’accordo con il parroco  della Chiesa Madre del Cimitero, Luigi Tornatore, mentre il 31 ottobre il cimitero resta aperto straordinariamente fino alle 19.30.

Venerdì 1 novembre, solennità di tutti i santi, alle ore 11.30 presso l’antica chiesa madre di San Giorgio a Martire, si svolgerà la solenne celebrazione in suffragio ai caduti di tutte le guerre, con la partecipazione del sindaco Giorgio Zinno e di autorità civili e militari. A seguire, come da tradizione, sarà deposta una corona di alloro e benedetto il Sacrario militare. Il cimitero resterà aperto dalle 7.30 alle 19.00.

Sabato 2 novembre invece, per la celebrazione dei defunti, la santa messa sarà celebrata alle ore 10.00, sempre presso la chiesa madre di San Giorgio a Martire (nel cimitero). Presiede il Rettore P.Luigi Tornatore. A seguire il Primo Cittadino e le autorità deporranno una corona di alloro. Il cimitero resterà aperto dalle 7.30 alle 14.00.

Inoltre, d’accordo con l’assessore Pietro De Martino, alle ore 16.30 si terrà una’altra celebrazione in suffragio dei defunti colerici, presso il Cimitero dei Colerosi, in via Cupa S.Aniello (quartiere Barra). Una struttura storica, dove  tra il 1836 e il 1873 furono seppellite circa 3.600 persone residenti a Napoli e in provincia, compresi quindi tanti sangiorgesi. La storica celebrazione è organizzata dall’associazione Voce nel deserto.

Per consentire le celebrazioni e favorire la visita ai propri cari, con apposita ordinanza, il 1 e il 2 novembre, dalle ore 7.00 alle ore 14.00, è stato disposto divieto di transito e di sosta lungo via San Giorgio Vecchio ( nel tratto tra via Beata della Passione e via Ferdinando Russo). Disposto altresì il divieto di sosta e il senso unico di marcia in via Alveo Farina.

La pianificazione  ci ha consentito, come promesso di rendere accessibile il cimitero a tutti in occasione delle celebrazioni del 1 e del 2 novembre, ovvero nei giorni di maggior afflusso di persone – spiega il sindaco Giorgio Zinno – consentendo così anche ai diversamente abili o a chi ha problemi di deambulazione di  entrare dall’ingresso principale e raggiungere facilmente i propri cari.  I servizi al cittadino passano anche attraverso azioni come queste che rappresentano un ulteriore segnale di cura e attenzione verso tutti”

“Il luogo in cui si commemorano i propri cari è un luogo sacro – aggiunge De Martino – ma molto spesso vi sono luoghi della memoria che non conosciamo e che meritano invece di essere conosciuti, anche per una loro rivalutazione storica. Per questo invito tutti i cittadini a partecipare anche alla celebrazione presso il cimitero dei Colerosi. Un luogo che merita rispetto e che fa parte del patrimonio storico dell’area metropolitana di Napoli”. 

Previous Trianon Viviani, il direttore artistico è Marisa Laurito. La nomina dell’assemblea dei soci per il triennio 2020/2022
Next SANDRO ABBONDANZA, EX NAPOLI: “ANDIAMO VIA CHE GIOCHIAMO A FARE?”

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

NAPOLI, IN CURVA A DEL SAN PAOLO PARTE UNO STRISCIONE DI SOLIDARITA’: ” LIBERATE I NAPOLETANI IN MESSICO”

“Liberate i napoletani in Messico“: è lo striscione di solidarietà con i tre italiani di cui non si hanno notizie esposto  in curva A allo stadio San Paolo, durante il

Qui ed ora

Esplosi colpi d’arma da fuoco a Napoli

Colpi di arma da fuoco sono stati esplosi in via Carbonara, a Napoli, nel centro storico. Nella stessa strada, al civico 102, c’è stato anche un principio d’incendio davanti un

Qui ed ora

SANITÀ, BENEDUCE (FI): NECESSARIO RIORGANIZZARE TUTTA LA RETE DELL’EMERGENZA

“Inserire l`ospedalità privata nella rete delle emergenza – urgenza, così come proposto dall`AIOP, può essere una soluzione per decongestionare i presidi di Pronto soccorso ma comunque potrebbe non essere sufficiente

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi