CITTA’ DEL VATICANO , IL PAPA SUL GENOCIDIO IN RUANDA : “CHIEDIAMO PERDONO A DIO”

Papa Francesco ha ricevuto stamane, nel Palazzo Apostolico Vaticano, il presidente del Ruanda, Paul Kagame, che poi ha incontrato il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin e il segretario per i Rapporti con gli Stati, mons. Paul Richard Gallagher. Durante i cordiali colloqui sono state ricordate le buone relazioni esistenti tra la Santa Sede e il Ruanda. Si è apprezzato il notevole cammino di ripresa per la stabilizzazione sociale, politica ed economica del Paese. È stata rilevata la collaborazione tra lo Stato e la Chiesa locale nell’opera di riconciliazione nazionale e di consolidamento della pace a beneficio dell’intera Nazione. In tale contesto il Papa ha manifestato il profondo dolore suo, della Santa Sede e della Chiesa per il genocidio contro i Tutsi, ha espresso solidarietà alle vittime e a quanti continuano a soffrire le conseguenze di quei tragici avvenimenti e, in linea con il gesto compiuto da San Giovanni Paolo II durante il Grande Giubileo del 2000, ha rinnovato l’implorazione di perdono a Dio per i peccati e le mancanze della Chiesa e dei suoi membri, tra i quali sacerdoti, religiosi e religiose che hanno ceduto all’odio e alla violenza, tradendo la propria missione evangelica. Il Papa ha altresì auspicato che tale umile riconoscimento delle mancanze commesse in quella circostanza, le quali, purtroppo, hanno deturpato il volto della Chiesa, contribuisca, anche alla luce del recente Anno Santo della Misericordia e del Comunicato pubblicato dall’Episcopato ruandese in occasione della sua chiusura, a “purificare la memoria” e a promuovere con speranza e rinnovata fiducia un futuro di pace, testimoniando che è concretamente possibile vivere e lavorare insieme quando si pone al centro la dignità della persona umana e il bene comune. Infine, c’è stato uno scambio di vedute sulla situazione politica e sociale regionale, con attenzione ad alcune aree colpite da conflitti o calamità naturali ed è stata espressa una particolare preoccupazione per il grande numero di rifugiati e di migranti bisognosi dell’assistenza e del sostegno della Comunità internazionale e degli organismi regionali.

Previous Beneduce tra le prime regioni ad elaborare un testo organico sull'autismo
Next CARAVAGGIO? MA QUALE CARAVAGGIO

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

La libertà fa ancora paura

25 anni fa la grandiosa dimostrazione di Piazza Tienanmen a favore delle riforme e per la libertà fu repressa nel sangue. L’emblematica foto del ragazzo con in mano una busta

Qui ed ora

25 Luglio 1943. La Radio annuncia: “Il Re ha accettato le dimissioni da Presidente del Consiglio del cavalier Benito Mussolini”

Ero a Roma quel giorno. Sfollato da Napoli nel 1942 perché la mia casa venne distrutta dai bombardamenti. Dormivamo, la mia famiglia ed io, in un piccolo albergo che si

Qui ed ora

MUORE L’EX MINISTRO ALBERTO MATTEOLI, IN UN INCIDENTE SUL COLLEGAMENTO AUTOSTRADALE FRA LIVORNO E CIVITAVECCHIA CHE LOTTO’ PER REALIZZARE

E’ morto l’ex ministro Altero Matteoli in un incidente stradale sulla via Aurelia all’altezza di Capalbio, i medici hanno tentato di rianimarlo sul posto ma non c’è stato nulla da fare. Il senatore Matteoli

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi