CLEMENTE MASTELLA, VIENE ASSOLTO, DOPO NOVE ANNI DALL’ACCUSA DI PRESUNTI ILLECITI NELLE NOMINE ALLE ASL E IN ALTRI SETTORI PUBBLICI. E’ STATA ASSOLTA ANCHE LA MOGLIE, EX PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CAMPANIA

Clemente Mastella e’ stato assolto nel processo per presunti illeciti nelle nomine alle Asl e in altri settori pubblici. La sentenza è stata emessa dalla quarta sezione del Tribunale di Napoli. Il sindaco di Benevento che all’epoca dei fatti ricopriva la carica di ministro della Giustizia e leader dell’Udeur era accusato in particolare di “induzione indebita a dare o promettere utilità”. In seguito all’avviso di garanzia emesso nel gennaio del 2008 Mastella si dimise e ritirò il suo appoggio al governo Prodi circostanza che contribuì alla caduta dell’esecutivo.”È una riparazione a dieci anni di sofferenze  perchè è una vicenda che ha toccato tutta la mia famiglia.Non auguriamo a nessuno quello che è successo a noi. Ricordo quello che mi disse Andreotti: a me hanno risparmiato la famiglia, a te neppure quella“.  Così commenta Mastella,  mentre  all’epoca dei fatti il pm Ida Frongillo aveva comunque chiesto per l’ex ministro la condanna a due anni e otto mesi, modificando l’originaria imputazione di tentata concussione in indebita induzione. Al tempo stesso aveva sollecitato invece la prescrizione per Sandra Lonardo. Una indagine che coinvolse anche la moglie del leader Udeur, Alessandra Lonardo, all’epoca presidente del consiglio regionale della Campania. Secondo l’accusa, Mastella avrebbe imposto al Governatore la nomina di una persona da lui segnalata a commissario di una Asl, minacciando in caso di rifiuto di ritirare due assessori Udeur dalla Giunta.  Si sarebbe trattato di normali accordi politici, mentre  il Tribunale ha ritenuto invece che si sarebbe potuto configurare un abuso di ufficio, concludendo comunque che il fatto attribuito a Mastella non costituisce reato. Il tribunale ha assolto con formula ampia anche la moglie di Mastella, nonché i due ex assessori regionali dell’Udeur Nicola Ferraro e Andrea Abbamonte e l’ingegnere Carlo Camilleri, consuocero dell’ex ministro della Giustizia.

Previous SHAKHTAR DONETSK-NAPOLI , LA CONFERENZA PRE-GARA DI SARRI E MILIK :" LO SHAKHTAR E' UN GRANDE AVVERSARIO .SERVIRA' UNA GRANDE PRESTAZIONE "
Next Ddl antifascismo: Camera, ok al testo, passa al Senato. Il testo, approvato a Montecitorio con 261 sì, 122 no e 15 astenuti, passa al Senato

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

CENTROSINISTRA, VELTRONI:” SENTO CHE E’ IN GIOCO QUALCOSA DI MOLTO IMPORTANTE, LA POSSIBILITA’ PER LA SINISTRA DI SVOLGERE UN RUOLO RILEVANTE”

Mentre Fassino cerca il dialogo con la sinistra, Walter Veltroni, , rinnova il suo appello all’unità del centrosinistra, dichiarando che: “In questo momento sento che è in gioco qualcosa di molto

ultimissime

GENTILONI: ” NON SIAMO PIU’ IL FANALINO DI CODA IN EUROPA. IL PAESE SI E’ RIMESSO A CRESCERE, ANCHE SE QUESTA CRESCITA NON HA RISANATO LE CICATRICI DELLA CRISI”

“Non siamo più il fanalino di coda in Europa. Dobbiamo essere più consapevoli che la sostanza del discorso non sono le cifre, ma è capire che il Paese s’è rimesso

Officina delle idee

BEPPE GRILLO SOSTIENE DI NON ESSERE NE’ GESTORE,NE’ MODERATORE,NE’ DIRETTORE,NE’ TITOLARE DEL DOMINIO,DEL SUO BLOG!!C’E’ DA RIDERE!

Il leader del M5s ,GRILLO,tramite una memoria difensiva sostiene di non essere né gestore, né moderatore, né direttore, né provider, né titolare del dominio, del Blog, né degli account Twitter,

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi