COLERA: FUORI PERICOLO 2 PAZIENTI

“Sono stati dimessi questa mattina i pazienti ricoverati all’ospedale Cotugno lo scorso 3 ottobre con una infezione da Vibrio Cholerae. Così come da procedura, in questi casi, si procede alle dimissioni solo dopo aver verificato la negatività degli esami microbiologici, compresa la ricerca molecolare del patogeno. Si ribadisce che tale infezione non è stata di natura autoctona, bensì importata da un paese estero e che, pertanto, non sussiste alcun rischio per la popolazione di ulteriori contagi collegati a questi pazienti, visto che sono già trascorsi gli eventuali tempi di incubazione”. Così, in una nota,  si è espresso Antonio Giordano, commissario straordinario dell’Azienda Ospedaliera dei Colli (Monaldi – Cotugno – CTO).
Si ricorda che  furono registrati a Napoli due casi di colera, in una donna e nel figlio di due anni, immigrati residenti a Sant’Arpino e rientrati da poco dal Bangladesh

Previous Caso Cucchi, sorella incontra Trenta e Nistri. Ministra: “Dobbiamo chiedere scusa in tanti. Chi ha sbagliato, pagherà”
Next Giornata Mondiale dell’Alimentazione anche a Napoli

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

BLOCCATO IL RINNOVO ABBONAMENTI TRASPORTI A NAPOLI PER ANZIANI E DISABILI A BASSO REDDITO PER MANCANZA FONDI. STORNAIUOLO (FEDERCONSUMATORI): “ABBIAMO CHIESTO UN INCONTRO CON L’ASSESSORE AL WELFARE”

“Usa il trasporto pubblico” recita sapientemente Massimo Andrei negli spot “Snack” trasmessi dai monitor all’interno delle stazioni di cumana e circumflegrea a Napoli. E così fanno, ogni giorno, migliaia di cittadini. In

Qui ed ora

Di Nardo: «In Europa per difendere le eccellenze»

Aniello Di Nardo, più volte parlamentare e segretario regionale in Campania Italia dei Valori, si candida nella circoscrizione Italia Meridionale alle prossime europee. Opponendosi alla politica della Merkel e delle

Qui ed ora

SECONDO LA CASSAZIONE IL SALUTO FASCISTA NON E’ REATO

La Cassazione ha sentenziato che il  saluto Fascista non è reato se ha intento commemorativo e non violento, difatti può essere una libera manifestazione del pensiero. Vengono così assolti due

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi