Colosseo :Marmi e colori, la prima reggia di Nerone mai vista

Nella penombra degli ambienti oggi sotterranei, il verde brillante, il giallo aranciato, il rosso e il grigio screziato dei marmi arrivati da tutto l’impero risalta con prepotenza assoluta, sostenuto da una lucentezza che duemila anni dopo ancora, incredibilmente, abbaglia.Sui muri glabri, segnati dal tempo e dall’umidità oltre che dalle spoliazioni feroci dei Farnese, stupiscono qua e là frammenti di delicate pitture, testine, amorini, ghirlande vermiglie.

Di fatto aperta per la prima volta al pubblico, eccola la Domus Transitoria, la prima grande villa che Nerone si fece costruire sul Palatino. Sfarzosa e raffinata, pensata per accogliere e per stupire sul modello delle regge tolemaiche, fu poi dismessa e interrata dopo l’incendio del ’64 dallo stesso imperatore, che volle sostituirla con l’ancora più grande e più ricca Domus Aurea. “Eppure in questi ambienti c’era in nuce tutto, quasi una prova tecnica di quella che sarà poi la Domus Aurea”, spiega cortese la direttrice del Parco archeologico del Colosseo, Alfonsina Russo.

Dieci anni di studi e di restauri, ma anche di messa in sicurezza degli ambienti, hanno permesso di restituire al pubblico circa 800 metri quadrati di questa prestigiosa dimora, da domani inseriti nel nuovo percorso neroniano, con visite dal lunedì al venerdì per piccoli gruppi rigorosamente accompagnati. Non è stato facile, certo. Perché i faraonici e velocissimi lavori di costruzione della Domus Aurea all’epoca e gli scavi settecenteschi poi hanno fatto in gran parte strage di quel glossario di meraviglie che l’imperatore aveva voluto per la sua reggia, che pare prendesse il nome dal fatto che si estendeva dal Palatino all’Esquilino.

Previous AL GAMBRINUS DI NAPOLI LA PASTIERA PIU' GRANDE DEL MONDO. LOPA: LA PASTIERA NAPOLETANA COME SIMBOLO DELLA VALORIZZAZIONE DELLA PASTICCERIA PARTENOPEA,MA SOPRATTUTTO DIMENSIONE IDENTITARIA DEL POPOLO NAPOLETANO
Next LA CENTRALITA’ DEL PEDIATRA NELLA DIAGNOSI E NELLA GESTIONE DELLE MALATTIE PEDIATRICHE RARE.

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

“Sulo” di Gianni Lamagna

Entri e la scena ti appare spoglia ma essenziale. Una sedia ed un leggio al centro del piccolo palco. In alto, due lucine soffuse, una giallina, una rossa, mentre il

Cultura

Villa comunale di Vietri sul Mare :concerto gratuito del CoroPop di Salerno

Il progetto “Vietri Cultura”, la cui direzione artistica è affidata al M° Luigi Avallone, inizia con la rassegna di musica, teatro e danza “Vietri in Scena”, nella splendida cornice della

Cultura

NAPOLI: PALAZZO ZEVALLOS, CHE CUSTODISCE CAPOLAVORI DI CARAVAGGIO, SARA’ APERTO AL PUBBLICO GRATUITAMENTE

Nella giornata di Ferragosto,  a Palazzo Zevallos Stigliano di Napoli, in  via Toledo, sarà possibile entrare gratuitamente. Palazzo Zevallos Stigliano fa parte del progetto Gallerie d’Italia di Intesa Sanpaolo, assieme alle altre due sedi di Milano e

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi