Colosseo :Marmi e colori, la prima reggia di Nerone mai vista

Nella penombra degli ambienti oggi sotterranei, il verde brillante, il giallo aranciato, il rosso e il grigio screziato dei marmi arrivati da tutto l’impero risalta con prepotenza assoluta, sostenuto da una lucentezza che duemila anni dopo ancora, incredibilmente, abbaglia.Sui muri glabri, segnati dal tempo e dall’umidità oltre che dalle spoliazioni feroci dei Farnese, stupiscono qua e là frammenti di delicate pitture, testine, amorini, ghirlande vermiglie.

Di fatto aperta per la prima volta al pubblico, eccola la Domus Transitoria, la prima grande villa che Nerone si fece costruire sul Palatino. Sfarzosa e raffinata, pensata per accogliere e per stupire sul modello delle regge tolemaiche, fu poi dismessa e interrata dopo l’incendio del ’64 dallo stesso imperatore, che volle sostituirla con l’ancora più grande e più ricca Domus Aurea. “Eppure in questi ambienti c’era in nuce tutto, quasi una prova tecnica di quella che sarà poi la Domus Aurea”, spiega cortese la direttrice del Parco archeologico del Colosseo, Alfonsina Russo.

Dieci anni di studi e di restauri, ma anche di messa in sicurezza degli ambienti, hanno permesso di restituire al pubblico circa 800 metri quadrati di questa prestigiosa dimora, da domani inseriti nel nuovo percorso neroniano, con visite dal lunedì al venerdì per piccoli gruppi rigorosamente accompagnati. Non è stato facile, certo. Perché i faraonici e velocissimi lavori di costruzione della Domus Aurea all’epoca e gli scavi settecenteschi poi hanno fatto in gran parte strage di quel glossario di meraviglie che l’imperatore aveva voluto per la sua reggia, che pare prendesse il nome dal fatto che si estendeva dal Palatino all’Esquilino.

Previous AL GAMBRINUS DI NAPOLI LA PASTIERA PIU' GRANDE DEL MONDO. LOPA: LA PASTIERA NAPOLETANA COME SIMBOLO DELLA VALORIZZAZIONE DELLA PASTICCERIA PARTENOPEA,MA SOPRATTUTTO DIMENSIONE IDENTITARIA DEL POPOLO NAPOLETANO
Next LA CENTRALITA’ DEL PEDIATRA NELLA DIAGNOSI E NELLA GESTIONE DELLE MALATTIE PEDIATRICHE RARE.

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

Van Gogh, in arrivo a Napoli “Van Gogh-The Immersive Experience” alla Basilica di San Giovanni Maggiore

Dal prossimo novembre tutti gli appassionati di arte potranno entrare (in maniera virtuale ovviamente) all’interno dei dipinti di uno degli artisti più importanti della pittura ottocentesca, ovvero il famoso pittore

Cultura

AL VIA LA 21° EDIZIONE DE “LA GIOSTRA” DI CASTELLO DEL MATESE

La Giostra, manifestazione medievale, si tiene tutti gli anni nel primo fine settimana di agosto. Lo scorso anno, la festa ha raggiunto l’invidiabile traguardo dei vent’anni; edizione caratterizzata da un

Cultura

NAPOLI , APRE LA LIBRERIA DOVE SI POTRA’ DORMIRE TRA I LIBRI

Leggere libri in biblioteca e poter dormire tra i profumi e gli odori della carta stampata. E’ questo il sogno di molti appassionati che è divenuto realtà a Napoli. Dopo Tokyo,

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi