«Con il sistema di videosorveglianza si sarebbero potuti individuare i colpevoli»

Non si placano a Portici le polemiche per il caso di Mariano Bottari, il pensionato ucciso per errore mentre si recava a fare la spesa. Questa volta ad alzare la voce e a chiedere le dimissioni del sindaco Nicola Marrone è` il PD, partito di opposizione nella cittadina della Reggia, che recentemente ha rinnovato la sua segreteria politica. Il motivo sarebbe il mancato rinnovo del contratto per l’impianto di videosorveglianza cittadino, che ha impedito di avere documenti video sull’accaduto.

«Abbiamo preferito mantenere un doloroso silenzio», si legge dal comunicato stampa, «per il rispetto dovuto alla tragica morte del signor Bottari. Ma oggi non possiamo esimerci da fare alcune considerazioni sulle gravi affermazioni del Sindaco Marrone e sulla sua inefficiente gestione della sicurezza in Città».

Da qui tutta la lista di mancanze del sindaco: «Il sistema di video sorveglianza presente nella nostra Città fino al 2012 era funzionante, cosa è cambiato da quando lei è stato eletto?» O ancora: «Il Partito Democratico e l’associazione “Il Cittadino” chiedono da mesi il ripristino del servizio di video sorveglianza e più in generale un maggior controllo del territorio ormai abbandonato a se stesso. Perché i fondi, derivanti dalle sanzioni amministrative pecuniarie per le violazioni delle norme del codice della strada, non sono stati utilizzati secondo le finalità? (di cui all’Art 208/1992 che prevede interventi di potenziamento dei servizi finalizzati alla sicurezza urbana)»

Per questo motivo il Partito Democratico ed il Gruppo Consiliare del PD «chiedono con forza l’immediato ripristino del circuito di video sorveglianza. Se non sa come fare scriveremo noi il provvedimento e spiegheremo dove trovare i fondi, che già sono disponibili. Un ex poliziotto ed attualmente magistrato in aspettativa, che da sindaco non riesce a garantire nemmeno il funzionamento della videosorveglianza ha il dovere di rassegnare le proprie dimissioni».

La questione sicurezza si va ad aggiungere alle già numerose questioni sul governo della città, quali l’aumento del costo del servizio mensa scolastico, il servizio raccolta differenziata che attualmente funziona sei giorni su sette anziché tutti i giorni come in precedenza, e l’aumento dell’aliquota Tasi, portata al massimo consentito dalla legge.

Previous Bando Mibact: Spellucci vs Franceschini, secondo round
Next Brasile nuovo leader mondiale di chirurgia estetica

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Riqualificazione degli istituti scolastici. Proseguono gli interventi Al via il 26 agosto la seconda tranche

San Giorgio a Cremano, al via il 26 agosto la seconda tranche dei lavori di miglioramento delle strutture scolastiche sul territorio.  Dopo il plesso Gramsci e Mazzini, l’amministrazione guidata dal

Qui ed ora

La segreteria del Partito Democratico metropolitano di Napoli esprime piena solidarietà al sindaco Giorgio Zinno.

Abbiamo appreso pochi minuti fa di una busta contenente proiettili recapitata al sindaco di San Giorgio a Cremano. Siamo vicini a Zinno e alla sua famiglia e condanniamo duramente questo

Qui ed ora

Napoli ,Questione Sicurezza :Meno Reati nel 2018 . Bilancio Positivo

Meno furti e rapine, e drastico calo degli omicidi: furono 31 nel 2017, sono stati 19 nel 2018 di cui sei maturati nell’ambito della criminalità organizzata. E’ un “bilancio positivo”

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi