Concorsi truccati, ai domiciliari generale in pensione

Il Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf di Napoli, coordinato dalla Procura, ha eseguito 15 misure cautelari, una delle quali in carcere, nell’ambito di un’indagine sui concorsi “truccati” per volontario in ferma prefissata di 4 anni (VFP4) che consentono di accedere alle forze armate e di polizia. Tra i destinatari anche il generale dell’Esercito in pensione Luigi Masiello, titolare di una scuola di formazione, coinvolta nell’inchiesta, che è stato messo agli arresti domiciliari.

Tutto è iniziato dalla denuncia di un ragazzo che preferito l’onestà all’imbroglio. Ha preferito non spendere migliaia di euro per “comprarsi il lavoro”. Il 26enne si è quindi recato negli uffici della Guardia di Finanza di Napoli ed ha raccontato tutto scatenando 14 ordinanza di custodia cautelare.
In un mondo in cui l’imbroglio cerca di sotterrare l’onestà, un ragazzo ha dato un esempio di vita a tutti.

La lealtà prima di tutto.

Previous IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA VISITA A SORPRESA IL CARCERE DI SECONDIGLIANO:"QUI PRATICHE VIRTUOSE E UN BUON RAPPORTO AGENTI-DETENUTI."
Next NAPOLI , IL CLUB PARTENOPEO SALE AL 14ESIMO POSTO DEL RANKING UEFA

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

La Solfatara da dimora degli inferi ad attrazione turistica

Incombe direttamente sulla città l’agorà di Efesto, pianura circondata da ciglioni infuocati che mandano spesso esalazioni come fornaci e piuttosto puzzolenti. La pianura è piena di polvere preziosa…(Strabone, Geografia V).

Approfondimenti

CAMPANIA: OTTOBRE E’ TEMPO DI CASTAGNE E DI SAGRE

Ottobre è conosciuto come il mese dei sapori d’autunno e le castagne sono le protagoniste indiscusse della maggior parte degli appuntamenti gastronomici. Dal salernitano all’avellinese, senza dimenticare il territorio sannita, le

Approfondimenti

QUANDO GLI ANTIEPILETTICI AUMENTANO IL RISCHIO DI DIFETTI ALLA NASCITA

Nella costante opera d’informazione di cittadini, consumatori e pazienti svolta dallo “Sportello dei Diritti”, si evidenzia quanto comunicato dalle autorità sanitarie francesi in merito ai farmaci per il trattamento dell’epilessia, già

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi