Consegnò pizza al Papa, truffava anziani. Fermato a Torino, operazione della squadra mobile di Genova

È il 23 marzo del 2015. E Papa Francesco in visita pastorale a Napoli riceve una pizza speciale con i colori del Vaticano: mozzarella di bufala, pomodorini gialli e la scritta “W il Papa”. A consegnare al Pontefice sulla Papamobile la pizza è Vincenzo “Enzo” Cacialli, all’epoca 43 anni, pizzaiolo e imprenditore noto in città perché gestore, insieme ad alcuni soci, della pizzeria “La figlia del Presidente” nel centro storico di Napoli. Cacialli da quel giorno diviene “Il pizzaiolo del Papa” e viene celebrato da giornali e tv, compresa la Cnn. Lunedì scorso Cacialli è stato arrestato dalla squadra mobile di Genova con l’accusa di essere un truffatore seriale di anziane e pensionate. Le indagini dei poliziotti sono scattate dopo una serie di accertamenti condotti nel capoluogo ligure e a Torino, dove il l’uomo è stato arrestato in flagranza di reato in corso Vittorio Emanuele, per aver raggirato una donna di 85 anni. Cacialli è stato trovato in possesso di anelli e gioielli che appartenevano alla donna. La storia è raccontata dal Secolo XIX.(ANSA).

Previous Regionali, Di Maio: "Un patto civico per l'Umbria. Ognuno corra con il proprio simbolo, presidente fuori dai partiti"
Next Anm,Di Matteo: "da correnti metodi mafiosi" e si candida, in streaming, al Consiglio Superiore della Magistratura.

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

USA -CINA: ARRIVA UN PARZIALE CONSENSO SULLA QUESTIONE DEI DAZI MA LA CRESCITA DELL’EUROPA SEMBRA RALLENTARE

Cina e Stati Uniti hanno raggiunto un, alquanto , parziale accordo  su alcune questioni commerciali, riuscendo a ingranare   un meccanismo di lavoro per avere ancora salde e ancorate le  comunicazioni

ultimissime

Juventus, Agnelli: “Deferimento inaccettabile, ci difenderemo”. Procura Figc: “Non impedì rapporti con malavita”.BINDI:”La ‘ndrangheta c’è, non negatelo”

Certo il deferimento di Andrea Agnelli e alcuni dipendenti(o collaboratori) della società Juventus apre uno scenario inqueitante. “Il deferimento che mi è stato notificato poco fa è inaccettabile. Io non

ultimissime

NAPOLI: NUOVA RISSA TRA MINORENNI, DENUNCIATI I PARTECIPANTI

Dei gruppi di minorenni scatenano una rissa, ed  intervengono i carabinieri e denunciano quattro dei partecipanti. É accaduto nel centro di Sant’Antonio Abate, nel Napoletano. I quattro minorenni, incensurati, sono

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi