Conte a Vallo della Lucania: “Se riparte il Sud riparte l’Italia”

“Se riparte il Sud, riparte l’Italia intera. Con questo spirito, muoviamo e ci disponiamo a realizzare l’agenda di Governo sul tema della coesione nazionale”. Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervenendo a un convegno a Vallo della Lucania, nel Salernitano. “Se le migrazioni dal Sud dovessero proseguire con questi ritmi, saranno oltre 5 milioni, dice lo Svimez, le persone che lasceranno il Mezzogiorno e il Pil potrà subire una contrazione fino al 40%”, spiega. Il premier ha preso la parola dopo che il moderatore dell’incontro, Antonio Manzo, ha sottolineato come sia “il secondo presidente del Consiglio pugliese che viene in Cilento. Il primo fu Aldo Moro”, parole seguite dall’applauso in sala.

Dunque, ha aggiunto il premier,  “Le dotazioni finanziarie sono cospicue, le dobbiamo sbloccare e accelerare gli investimenti. Abbiamo già introdotto misure specifiche per il Sud in Finanziaria. Con il ministro Provenzano e con tutto il governo stiamo lavorando per elaborare un piano strutturale. Confido che ce la faremo entro fine anno, se non a fine anno già a gennaio saremo pronti” ha concluso.

Previous Napoli, incontro tra squadra e De Laurentiis. Le multe rimarranno ma potrebbero essere riviste al ribasso
Next Cocciante, Notre Dame sono io, storia di diversità

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

MYANMAR, PAPA FRANCESCO INCONTRA IL MINISTRO DEGLI ESTERI SUU KYII: “IL FUTURO DELLA BIRMANIA DEVE ESSERE LA PACE, UNA PACE FONDATA SUL RISPETTO DELLA DIGNITA’ , DEI DIRITTI E SUL RISPETTO DI UN ORDINE DEMOCRATICO”

Il colloquio privato tra il papa e il ministro degli Esteri e Consigliere diplomatico del Myanmar Aung San Suu Kyii, si è svolto nella sala del Corpo diplomatico del palazzo

ultimissime

DECRETO SICUREZZA ,FICO PRENDE LE DISTANZE

Fico prende le distanze dal decreto sicurezza “Se la mia assenza al momento della votazione è stata interpretata come una presa di distanza dal provvedimento? Bè, avete interpretato bene”. Così

ultimissime

La morte dell’Ambasciatore russo per mano di un attentatore. Erdogan chiama Putin.

L’ambasciatore russo ad Ankara, Andrey Karlov, è stato ucciso a colpi di pistola nella capitale turca. Il diplomatico è stato colpito alle spalle mentre teneva un discorso pubblico  all’inaugurazione della

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi