Cori: Tarip “Più inquini, più paghi” e Comune “Plastic free”

Dopo il premio Comune Riciclone 2017 con il 72% di raccolta differenziata; dopo l’aumento al 76% della raccolta differenziata nel 2018; dopo la riduzione dell’11% della tariffa Tari 2019, l’Amministrazione Comunale di Cori si pone altri due obbiettivi sulla questione ambientale. Il primo riguarda la Tarip (tariffa puntuale), in merito alla quale l’intenzione è quella di introdurre un metodo di raccolta dei rifiuti e di tariffazione che permetta di far pagare di più chi inquina di più.

In relazione a ciò la Giunta Municipale con delibera n. 69 del 10/05/2019 ha approvato un apposito progetto per partecipare al bando della provincia di Latina finalizzato alla ripartizione di risorse regionali destinate al potenziamento della raccolta differenziata e al riutilizzo dei rifiuti urbani. L’ente lepino ha inoltrato una richiesta di finanziamento che supera i 270.000,00 euro, da investire nell’acquisto di un software gestionale della tariffazione puntuale e di un sistema di ricognizione digitale dei civici per migliorare l’attività di vigilanza e verifica sull’utenza, oltre che per incrementare il parco attrezzature.

L’altro obbiettivo è quello di fare di Cori un “Comune plastic free”, libero dalla plastica. Se ne parlerà ampiamente nell’incontro con la cittadinanza fissato per sabato 8 Giugno alle ore 11:30 presso i giardini di piazza Signina. Per promuovere e concretizzare questo indirizzo di tutela ambientale tutta la comunità sarà invitata a prendere parte all’individuazione delle misure più idonee ad eliminare il consumo di plastica (posate, stoviglie ecc.), sostituendola con materiali biodegradabili e compostabili. A cominciare dalle manifestazioni pubbliche, per estendere progressivamente le buone prassi a case, luoghi di ritrovo, attività produttive e commerciali, attraverso la sensibilizzazione di famiglie, associazioni ed operatori economici.

“Un’idea che non vuole essere imposta, ma condivisa con tutti i cittadini – spiegano il Sindaco di Cori Mauro De Lillis e l’Assessore all’Ambiente Luca Zampi – crediamo che le Istituzioni debbano essere le prime a dare il buon esempio, ma ogni persona che vive o visita la nostra Città deve fare la sua parte nella salvaguardia dell’ambiente e del territorio, per rendere migliore se stessa e dare un contributo a favore delle generazioni future e del mondo in cui viviamo”.

Previous Roberto Michelangelo Giordi :“Il Sogno di Partenope”, il quarto album del cantautore napoletano di stanza a Parigi
Next Diabete: con eHealth 3.0 cambia il futuro di pazienti e medici Le informazioni saranno personalizzate e fruibili in tempo reale

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

EUROPA ,OLTRE 15 MILIONI PER IL MERCATO DELLE AUTO!

Secondo le statistiche dell’Acea, l’associazione dei costruttori europei, in Europa sono state immatricolate 15.631.687 auto, con una crescita del 3,3% sul 2016. Le vendite sono in aumento in tutti i principali mercati,

Economia e Welfare

MIA – MISS IN ACTION CERCA STARTUP E PMI INNOVATIVE AL FEMMINILE PER SUPPORTARE IL TALENTO DIGITALE DELLE DONNE IMPRENDITRICI

L’acceleratore MIA – Miss In Action sceglierà le 4 migliori startup e PMI innovative al femminile che avranno accesso al programma: formazione e sviluppo del prodotto e servizio, creazione di un prototipo e un

Economia e Welfare

IL MINISTRO DE VINCENTI E IL PRESIDENTE DE LUCA IN DUE CANTIERI DEL “PATTO DELLA CAMPANIA “

E’ tornato in Campania il ministro per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti. Una mattinata tutta napoletana per l’esponente di governo, che ha fatto tappa prima a

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi