Coronavirus, dopo tre mesi dalla diagnosi parla Mattia

“L’etichetta di Paziente 1 non mi è mai pesata, le bugie sì. La cena con un cinese, le due maratone in una settimana: tutto falso. Mi è pesata la popolarità che ne è conseguita, devo continuamente respingere le richieste di interviste o di ospitate televisive”. A parlare, a tre mesi dalla notte in cui è diventato il primo italiano a cui è stato diagnosticato il coronavirus, è Mattia Maestri, il paziente 1 di Codogno.

Mattia si racconta in un’intervista a Sportweek, in edicola sabato con la Gazzetta dello Sport, e Maestri parla delle due settimane in terapia intensiva, della figlia nata pochi giorni dopo le sue dimissioni, e della sua voglia di tornare a correre, passione condivisa con la moglie e con un gruppo di fedelissimi, i compagni del Gruppo Podistico Codogno ’82 che ha voluto coinvolgere nell’intervista.

“Nel periodo del mio ricovero – ha spiegato, come si legge in un’anticipazione del servizio – hanno sostenuto la mia famiglia. Si sono anche iscritti ai social per difendermi”.

Previous Decreto Rilancio: ricorso delle "zone rosse" colpite da Covid-19 rimaste fuori
Next Iss: il covid-19 potrebbe restare sulle mascherine per 4 giorni

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

AL TRIANON IL MONDO DELLO SPETTACOLO RUSSO

Nel teatro del popolo di Piazza Calenda via a scambi intellettuali e produttivi nel nome della cultura Al Trianon Viviani di Napoli, il mondo del teatro russo si è confrontato

Officina delle idee

Achille Della Ragione: ” Ora vi spiego la verità sul coronavirus”

Premesso che, prima di divenire un intellettuale a tempo pieno, per decenni ho praticato la professione di medico con 2 specializzazioni, per cui ciò che affermo è da considerare verità

Officina delle idee

L’ EUROPA E IL SUO FUTURO AL CENTRO DEL DIBATTITO PRELETTORALE

Nel corso di una campagna elettorale tra le piu’ originali che la storia della Repubblica ricordi, al di sopra dei tradizionali schieramenti destra, centro, sinistra, la discriminante  è diventata il

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi