Coronavirus, Starbucks chiude metà dei negozi in Cina

Starbucks ha annunciato la chiusura temporanea di metà dei propri punti vendita in Cina sui timori di contagio del coronavirus. La catena di negozi di caffè non è la prima a chiudere negozi nel Paese: pochi giorni fa anche McDonald’s aveva annunciato una decisione simile. Alla fine del 2019 Starbucks contava in Cina 4.292 negozi, il 16% in più dell’anno precedente. La chiusura, ha precisato la società, avrà un impatto sul trimestre e sull’intero anno fiscale.

Starbucks è una catena di caffè statunitense fondata a Seattle nel 1971. Parte di essa è la più grande catena del suo genere al mondo, con 28 720 punti vendita in 78 paesi, di cui 12 000 negli Stati Uniti.

I punti vendita di Starbucks vendono esclusivamente la propria marca di caffè (macinato o in grani), tè, bevande, pasticcini, utensili e macchine da caffè, ma l’obiettivo principale dell’azienda è quello di “fornire un’esperienza al consumatore”, vale a dire offrire ai propri clienti un servizio unico che non troverà nei caffè di un’altra marca.

Oltre al classico locale, Starbucks ha sviluppato un particolare concept store, la “Roastery”; la prima è stata aperta a Seattle nel 2013. Starbucks prevede di aprire 20 o 30 spazi simili, tra cui uno a Shanghai inaugurato nel dicembre 2017. Il gruppo prevede inoltre di aprire ulteriori “Roastery”, ma con il marchio “Starbucks Reserve brand”, con un logo diverso da quello dei caffè tradizionali. A Seattle e Shanghai è seguita, il 6 settembre 2018, Milano. Ulteriori aperture di questo concept sono previste a Chicago, New York e Tokyo.

Previous Calciomercato gennaio 2020. Inter super, promosse Napoli e Fiorentina
Next È ufficiale: Londra non è più Europa

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

SPECIALE CARCERE – CONCORRENZIALITA’ , DIGNITA’ E OPPORTUNITA’ PER GLI EX DETENUTI

A Julie Italia (canale 19 del Dtt) si è tenuto lo Speciale “Carcere e reinserimento sociale dei detenuti”, condotto da Samuele Ciambriello. Ospiti della trasmissione sono stati Franco Pozone, ass.

Economia e Welfare

CORONAVIRUS: COMMERCIALISTI, SOSPENDERE LE PROCEDURE DI SOVRAINDEBITAMENTO GIA’ OMOLOGATE

“In questa fase di estrema difficoltà economica le piccole e medie imprese che hanno già procedure di sovraindebitamento omologate sono sostanzialmente impossibilitate a rispettarle. Un dato di fatto che ci

Economia e Welfare

A POGGIOREALE ARRIVANO 800 MASCHERINE, IL GARANTE CIAMBRIELLO: “LOTTIAMO CONTRO LE DISEGUAGLIANZE”

Donate  in mattinata 800 mascherine chirurgiche all’area sanitaria del carcere di Poggioreale. Con il garante regionale dei detenuti Samuele Ciambriello c’era il responsabile sanitario delle carceri cittadine il dott. Lorenzo

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi