CORRUZIONE E POPULISMO.L’OPINIONE DI ELIO PARIOTA

Sono abituato a guardare il bicchiere mezzo pieno. Stavolta – lo ammetto – l’ottimismo è assai forzato. Leggendo i dati elaborati da Transparency International nella giornata mondiale anti corruzione (1600 relatori riuniti a Panama in rappresentanza di 130 Paesi) l’Italia è “risalita” dal 69esimo al 61esimo posto su 168 Paesi, davanti alla Bulgaria e dietro Romania e Grecia.
Se otto posti scalati vi sembran pochi dico che avete ragione. Perché non è il caso di esultare, anzi. Il livello di corruzione – soprattutto nel settore pubblico e politico – è ancora alto giacché ben il 52% delle opere infrastrutturali è sotto inchiesta.
Il populismo imperante si nutre anche di questo. E ha gioco facile nello sgretolare sistemi di potere che dalla corruzione traggono linfa vitale. Da più parti si invocano – tra i tanti strumenti da mettere in campo per arginare il fenomeno – i network collaborativi e le organizzazioni della società civile. Giustissimo. Solo che più lo guardo e più il mio bicchiere comincia ad apparirmi desolatamente vuoto
Previous RENZI PREPARA LE PRIMARIE DEL PD A MARZO E NUOVE ELEZIONI A GIUGNO.
Next MOVSTELLE:"IL GOVERNO DIMISSIONARIO SIA STRUMENTO DEL PARLAMENTO E DELLA CONSULTA,E SUBITO AL VOTO.GENTILONI? E' UN GOVERNO AVIATAR!"

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

ADRIANO SOFRI:”La persecuzione dei curdi yazidi da parte dell’Isis è il più chiaro esempio di genocidio.”

di Adriano Sofri Ieri è stato solennemente ricordato in Kurdistan e in alcune capitali internazionali il secondo anniversario del massacro di yazidi perpetrato a Sinjar-Shingal dall’Isis, 3 agosto 2014. In

Approfondimenti

IL CIBO E’ L’ARGOMENTO TOPIC PIU’ DISCUSSO, IN ASSOLUTO, NELLA RETE

Il cibo, la buona tavola è da sempre presente nelle conversazioni e nella convivialità dello stare insieme a tavola. Amiamo disquisire su quella ricetta, sugli ingredienti  particolari e introvabili, sulle

ultimissime

RENZI.”UNA RICOSTRUZIONE CHE MANTENGA I TRATTI IDENTITARI DI QUEI LUOGHI.”

Certo ogni terremoto ha la sua storia.Con le mente si ritorna alle sclete fatte nel 2009 all’Aquila.La sceta del Governo è quella di ricostruire tutto li dov’era.Che sia veramente un

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi