Corte Ue, no a rimpatri rifugiati in Paesi d’origine

In base al diritto europeo, un rifugiato in fuga da un Paese in cui rischia la tortura o altri trattamenti inumani vietati dalla Convenzione di Ginevra non può essere rimpatriato o respinto nel sopracitato Paese anche se lo status di rifugiato gli viene negato o revocato dallo Stato ospitante per validi motivi di sicurezza. E’ quanto ha chiarito la Corte di giustizia Ue in una sentenza pubblicata oggi.

I giudici della Corte sono stati chiamati a pronunciarsi sulla conformità delle disposizioni della direttiva Ue sui rifugiati con quanto previsto dalla Convenzione di Ginevra dai colleghi di Belgio e Repubblica Ceca in seguito ai ricorsi presentati da un ivoriano, un congolose e un ceceno a cui è stato revocato o rifiutato lo status di rifugiato per gravi motivi. Una fattispecie prevista dalla stessa Convenzione di Ginevra.

In base alle norme vigenti, secondo la sentenza odierna della Corte, “fintanto che il cittadino di un Paese extra-Ue o un apolide abbia fondato timore di essere perseguitato nel suo Paese d’origine o di residenza, questa persona deve essere qualificata come rifugiato indipendentemente dal fatto che lo status di rifugiato sia stato formalmente riconosciuto”. Fatta questa premessa, la Corte ha stabilito che la direttiva europea va “interpretata e applicata nel rispetto dei diritti garantiti dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Ue” che “escludono la possibilità di un respingimento” verso Paesi a rischio. La stessa Carta, hanno ricordato i giudici comunitari, “vieta infatti in termini categorici la tortura nonchè pene e trattamenti inumani e degradanti a prescindere dal comportamento dell’interessato e l’allontanamento verso uno Stato dove esista un rischio serio che una persona sia sottoposta a trattamenti di tale genere”.

Previous Maltempo: esondato il fiume Savio in Emilia Romagna
Next OPEN DAY PROGETTO SPERIMENTALE ADOLESCENTI

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

L’ASSOCIAZIONE LA MANSARDA REGALA UNA GIORNATA INDIMENTICABILE PER I DETENUTI DEL REPARTO ARTICOLAZIONE PSICHIATRICA DEL CARCERE DI SECONDIGLIANO

Sabato 9 Marzo 2019, giornata da ricordare per i 5 detenuti del carcere di Secondigliano, Gennaro, Pasquale, Keita, Sami e Davide, appartenenti al reparto di articolazione psichiatrica, che hanno vissuto

ultimissime

SCONTRO RENZI-UE : TRA DEFICIT E MIGRANTI

“Rottamiamo il Fiscal Compact e tiriamo giù le tasse a famiglie con figli, ad artigiani e piccoli imprenditori, e a chi non ce la fa”. Così si è espresso Matteo

ultimissime

Liliana Segre: “In Senato mi sono sentita come una marziana”

“Mi sono sentita una marziana in Senato”. Così Liliana Segre torna sull’astensione del centrodestra sulla commissione contro l’odio. “Mi sembrava – ha spiegato – che una mozione contro l’odio sarebbe stata

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi