Corte Ue, no a rimpatri rifugiati in Paesi d’origine

In base al diritto europeo, un rifugiato in fuga da un Paese in cui rischia la tortura o altri trattamenti inumani vietati dalla Convenzione di Ginevra non può essere rimpatriato o respinto nel sopracitato Paese anche se lo status di rifugiato gli viene negato o revocato dallo Stato ospitante per validi motivi di sicurezza. E’ quanto ha chiarito la Corte di giustizia Ue in una sentenza pubblicata oggi.

I giudici della Corte sono stati chiamati a pronunciarsi sulla conformità delle disposizioni della direttiva Ue sui rifugiati con quanto previsto dalla Convenzione di Ginevra dai colleghi di Belgio e Repubblica Ceca in seguito ai ricorsi presentati da un ivoriano, un congolose e un ceceno a cui è stato revocato o rifiutato lo status di rifugiato per gravi motivi. Una fattispecie prevista dalla stessa Convenzione di Ginevra.

In base alle norme vigenti, secondo la sentenza odierna della Corte, “fintanto che il cittadino di un Paese extra-Ue o un apolide abbia fondato timore di essere perseguitato nel suo Paese d’origine o di residenza, questa persona deve essere qualificata come rifugiato indipendentemente dal fatto che lo status di rifugiato sia stato formalmente riconosciuto”. Fatta questa premessa, la Corte ha stabilito che la direttiva europea va “interpretata e applicata nel rispetto dei diritti garantiti dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Ue” che “escludono la possibilità di un respingimento” verso Paesi a rischio. La stessa Carta, hanno ricordato i giudici comunitari, “vieta infatti in termini categorici la tortura nonchè pene e trattamenti inumani e degradanti a prescindere dal comportamento dell’interessato e l’allontanamento verso uno Stato dove esista un rischio serio che una persona sia sottoposta a trattamenti di tale genere”.

Previous Maltempo: esondato il fiume Savio in Emilia Romagna
Next OPEN DAY PROGETTO SPERIMENTALE ADOLESCENTI

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

Istat: natalità sempre in calo. E quasi un figlio su tre nasce fuori dal matrimonio

Secondo l’Istat, quasi un figlio su tre è nato fuori dal matrimonio. Alla luce dei dati diffusi dall’Istituto di statistica, infatti, nel 2018 la percentuale di nati fuori dalle nozze è

ultimissime

Manovra, lettera dell’Ue: “Deviazione senza precedenti nella storia. Italia risponda ai rilievi entro lunedì”

Dura lettera di Bruxelles all’Italia sulla manovra: “Il bilancio italiano mostra una deviazione senza precedenti nella storia del Patto di stabilità, dovuta ad una espansione vicina all’1% e ad una

ultimissime

ITALIA , OLTRE 5 MILIONI DI CITTADINI VIVONO IN POVERTA’ ASSOLUTA

Le persone che vivono in povertà assoluta in Italia superano i 5 milioni nel 2017. Sono questi i più alti valori registrati  dall’Istat dall’inizio delle serie storiche, nel 2005. Le famiglie in

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi