Corte Ue, no a rimpatri rifugiati in Paesi d’origine

In base al diritto europeo, un rifugiato in fuga da un Paese in cui rischia la tortura o altri trattamenti inumani vietati dalla Convenzione di Ginevra non può essere rimpatriato o respinto nel sopracitato Paese anche se lo status di rifugiato gli viene negato o revocato dallo Stato ospitante per validi motivi di sicurezza. E’ quanto ha chiarito la Corte di giustizia Ue in una sentenza pubblicata oggi.

I giudici della Corte sono stati chiamati a pronunciarsi sulla conformità delle disposizioni della direttiva Ue sui rifugiati con quanto previsto dalla Convenzione di Ginevra dai colleghi di Belgio e Repubblica Ceca in seguito ai ricorsi presentati da un ivoriano, un congolose e un ceceno a cui è stato revocato o rifiutato lo status di rifugiato per gravi motivi. Una fattispecie prevista dalla stessa Convenzione di Ginevra.

In base alle norme vigenti, secondo la sentenza odierna della Corte, “fintanto che il cittadino di un Paese extra-Ue o un apolide abbia fondato timore di essere perseguitato nel suo Paese d’origine o di residenza, questa persona deve essere qualificata come rifugiato indipendentemente dal fatto che lo status di rifugiato sia stato formalmente riconosciuto”. Fatta questa premessa, la Corte ha stabilito che la direttiva europea va “interpretata e applicata nel rispetto dei diritti garantiti dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Ue” che “escludono la possibilità di un respingimento” verso Paesi a rischio. La stessa Carta, hanno ricordato i giudici comunitari, “vieta infatti in termini categorici la tortura nonchè pene e trattamenti inumani e degradanti a prescindere dal comportamento dell’interessato e l’allontanamento verso uno Stato dove esista un rischio serio che una persona sia sottoposta a trattamenti di tale genere”.

Previous Maltempo: esondato il fiume Savio in Emilia Romagna
Next OPEN DAY PROGETTO SPERIMENTALE ADOLESCENTI

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

CARCERI ,IL GARANTE NAZIONALE MAURO PALMA :”IL SOVRAFFOLLAMENTO NON E’ UNA FAKE NEWS “

Nell’ultimo anno si contano 2.047 detenuti in più, “con un andamento progressivo crescente e preoccupante”, e “questo aumento si riverbera sulle condizioni di vita interna e sul sovraffollamento, che non

ultimissime

AFGHANISTAN ,ATTACCO ALL’ACCADEMIA ARMATA DI KABOUL :9 MORTI ED OLTRE 10 FERITI

Nove morti, cinque soldati, oltre a dieci feriti. E’ questo il resoconto  dell’attacco di questa mattina all’accademia militare di Kabul da parte di quattro uomini armati. Il portavoce del ministero

ultimissime

IMMIGRAZIONE:I VERI NUMERI DEL 2016.IL GOVERNO SI MUOVE.IL MINISTRO DELL’INTERNO MARCO MINNITI E’ STATO PRIMA A TUNISI E POI A MALTA.

Nel 2016 sulle coste italiane sono sbarcati 181.436 Migranti, il 17,94% in più dell’anno precedente (153.842) e il 6,66% in più di due anni prima (170.100). Il dato, aggiornato al 31

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi