Covid-19, una piattaforma open source permette di testare miliardi di molecole contro il virus

La necessità ormai urgente di trovare farmaci da usare contro la COVID-19 ha riportato all’attenzione l’importanza della ricerca scientifica e della condivisione dei dati. Per alleviare nell’immediato i sintomi di chi è affetto da nuovo coronavirus occorrerà usare, per forza di cose, farmaci già approvati e utilizzati per altre patologie, ma a emergenza conclusa serviranno molecole specifiche che prendano di mira il SARS-CoV-2, studiate apposta per interferire con la sua attività e che si possano utilizzare nel lungo periodo.

Sviluppare nuovi farmaci non è affatto semplice: il 90% dei medicinali sperimentali fallisce ancora prima di iniziare i trial sull’uomo o nella prima fase dei test. È un problema di costi e di tempo sprecato: per questo, sempre più spesso si cerca di identificare i composti più promettenti verso il target desiderato su piattaforme virtuali, ancora prima di testarli fisicamente in laboratorio.

Il più potente supercomputer del mondo è stato assoldato per combattere la COVID-19. In due giorni di calcolo ha analizzato migliaia di molecole,individuandone 77 che, in teoria, potrebbero impedire al SARS-CoV-2 di attaccare l’organismo  (anche così, il passaggio a un farmaco è un’operazione lunga e complessa, e non ci sono garanzie a priori). | IBM

UN BALZO IN AVANTI. Un team della Harvard Medical School ha portato queste piattaforme in silico (cioè in silicio, perché basate su simulazioni computerizzate e non su esperimenti in vitro) a un livello superiore, sviluppando un software capace di assemblare e analizzare miliardi di composti già conosciuti e vedere se sono efficaci contro le proteine chiave per lo sviluppo di malattie. La nuova piattaforma open source – VirtualFlox – mette a confronto il “bersaglio”, la proteina che per esempio facilita la  replicazione di un virus, con modelli 3D di composti chimici attualmente disponibili in commercio.

Non solo: con un programma di docking (“attracco”) molecolare, mette a confronto le molecole trovate con la proteina in questione, per capire se sono in grado di legarsi. In pratica, identifica i pezzi del puzzle che combaciano meglio con il bersaglio, individuando  quali, tra i tanti possibili orientamenti del composto, sono più efficaci. Per il momento, il software è in grado di analizzare 1,4 miliardi di molecole: è cioè il più grande database disponibile di composti chimici (quelli precedenti riuscivano a controllare tra un milione e dieci milioni di combinazioni ciascuno).

UN CONTRIBUTO PREZIOSO. Quando la lista dei composti più promettenti si riduce a un centinaio di unità, si lascia il mondo virtuale e si testano le molecole in laboratorio: a quel punto, è già stato compiuto un grosso lavoro di scrematura. A pochi giorni dall’uscita dei dati in anteprima su Nature, il team di Harvard ha iniziato a usare VirtualFlow per cercare composti in grado di interferire con cinque proteine del nuovo coronavirus. L’idea è analizzare un miliardo di molecole per ciascuno di questi target: un progetto supportato da Google con la possibilità di utilizzare la sua piattaforma di calcolo in cloud.

Previous Premio d'Aponte, il contest per cantautrici: ancora aperte le iscrizioni
Next Il pastificio Rana paga il 25% di stipendio in più a chi ha lavorato nel mese di Marzo

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Il 18 novembre il grande wrestling torna a San Giorgio a Cremano!

Per la prima volta in Campania si terrà un match di wrestling femminile tra due talenti che faranno molto parlare di loro in futuro, provenienti dal Regno Unito. La prima

Approfondimenti

UN I PHONE PIU’ ECONOMICO SARA’ MESSO IN COMMERCIO ENTRO IL 2018

Entro il 2018 potrebbe arrivare un iPhone più economico e potrebbe essere un best seller. Lo dice Ming Chi Kuo, analista della società Kgi, non nuovo ad indiscrezioni su Apple.

Approfondimenti

Diminuiscono i consumi di frutta e verdura, sotto la soglia minima di 400 grammi

Dopo tre anni si inverte la tendenza dei consumi di frutta e verdura che nel 2019 diminuiscono del 3%, arrivando a 8,5 miliardi di chili. E’ quanto emerge da una

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi