COZZOLINO(Europarlamentare PD):”POLITICHE SOCIALI A NAPOLI:LA MEDIOCRITA’ DELLA POLITICA”

La Napoli che dimentica gli ultimi.
Lo sfogo di un padre, le considerazioni di un giornalista, il dramma di centinaia di famiglie napoletane, la mancanza di attenzione da parte delle istituzioni e loro – gli ultimi – costretti a restare tali. Fanno male le parole del Direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo D’Errico in una lettera al sindaco De Magistris.
La storia è quella di 60 ragazzi disabili che frequentano il centro di recupero ospitato al piano superiore dell’ex villa di Michele Zaza, ” Per lei, quelle persone – scrive il direttore D’Errico- e le loro famiglie non esistono”. Purtroppo a pagare sono ancora una volta i più deboli quelli a cui questa amministrazione toglie ogni giorno un pezzo di cittadinanza. Ai 60 ragazzi della Gloriette alle loro famiglie, a tutti quelli chiamati a fare i conti con problemi simili, la mia vicinanza. Quello che sta accadendo in città – e non da oggi – sul tema delle politiche sociali è sotto gli occhi di tutti, ogni parola in più è superflua: la nostra città ha dimenticato chi ha più bisogno.

Previous D'ANTONIO:"IL SONNO DELLA POLITICA GENERA IL POPULISMO CHE BLOCCA L'ECONOMIA LOCALE."
Next SERIE A , 29ª GIORNATA DI SERIE A: IL NAPOLI SFIDA L’EMPOLI . SFIDE ESTERNE PER LAZIO , INTER E JUVENTUS . LA ROMA IN CASA CONTRO IL SASSUOLO

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

GIORNATA MONDIALE DELL’INFANZIA ,L’ONU RIBADISCE IL DIRITTO NON NEGOZIABILE

Per la giornata mondiale dell’infanzia, le Nazioni Unite, chiedono di rimettere all’ordine del giorno i diritti dei bambini a esprimere il loro potenziale, a favore una campagna volta a impegnare

Qui ed ora

Crisi e governo: verso le elezioni entro fine ottobre(il 13,il 20 o il 27), a meno che…

Subito in Parlamento, dice Matteo Salvini. Una mossa che porta alla parlamentarizzazione della crisi che, ora, vede avvicinarsi le elezioni anticipate. Tre le date possibili: il 13, il 20 o

Qui ed ora

Vigilante ucciso: Polizia ferma tre minorenni. Sono incensurati e non frequentano alcun istituto scolastico

Sono tre minorenni i responsabili della morte della guardia giurata Francesco Della Corte, aggredito a colpi di bastone lo scorso 3 marzo mentre stava chiudendo la stazione della metropolitana di

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi