Cresce il divario: i più poveri hanno solo 1,8% redditi

Si allarga il divario in Italia tra chi ha redditi più alti e chi non riesce ad arrivare alla fine del mese: il decile più povero delle popolazione – secondo le tabelle appena pubblicate da Eurostat – nel 2016 poteva contare infatti appena sull’1,8% dei redditi. Complessivamente quasi un quarto (il 24,4%) del reddito complessivo era percepito da appena il 10% della popolazione. Rispetto al 2008, anno nel quale è iniziata la crisi, il decile più benestante ha accresciuto la sua quota di reddito (23,8%) mentre quello più povero ha registrato un crollo (era il 2,6%).

FONTE ANSA

Previous PROTESTA A NAPOLI DA PARTE DEGLI STUDENTI CHE GRIDANO " NO ALL'ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO E NOI GRATIS NON LAVORIAMO"
Next " LE CAFFETTIERE DEI MIEI BISNONNI" : IL NUOVO LIBRO DI CHIARA ALESSI, NIPOTE DELL'INVENTORE DELLA BIALETTI, PERCHE' : " LE ICONE NON ABITANO PIU' QUI"

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

NAPOLI, PALAZZO DI GIUSTIZIA: DIRITTI E DOVERI, UNA GUIDA PER TUTTI I DETENUTI

“Chiediamo al ministero quali, quante risorse, vengono investite sull’esecuzione penale, quante?Niente! e dovrebbero essere il terreno principale sul quale investire”.Così si è espresso Attilio Belloni, Presidente della camera penale di Napoli,

Economia e Welfare

Marzabotto: 74° anniversario degli eccidi nazisti incontro storico tra i Ministri degli afffari esteri Italiano e quello Tedeco.

Enzo Moavero Milanesi il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, con l’omologo Ministro degli Affari Esteri tedesco, Heiko Maas, sono stati a Marzabotto per partecipare alla Commemorazione del

Economia e Welfare

OGGI NEL CARCERE DI SECONDIGLIANO CON L’ASS.LA MANSARDA INCONTRO CON GLI AUTORI DI LIBRI.

Oggi,17 marzo, presso il carcere di Secondigliano,alle ore 14,30, proseguiranno gli incontri tra detenuti e scrittori previsti dal progetto “La lettura libera”, portato avanti dall’Associazione “La Mansarda” di Samuele Ciambriello. 

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi