Cresce il divario: i più poveri hanno solo 1,8% redditi

Si allarga il divario in Italia tra chi ha redditi più alti e chi non riesce ad arrivare alla fine del mese: il decile più povero delle popolazione – secondo le tabelle appena pubblicate da Eurostat – nel 2016 poteva contare infatti appena sull’1,8% dei redditi. Complessivamente quasi un quarto (il 24,4%) del reddito complessivo era percepito da appena il 10% della popolazione. Rispetto al 2008, anno nel quale è iniziata la crisi, il decile più benestante ha accresciuto la sua quota di reddito (23,8%) mentre quello più povero ha registrato un crollo (era il 2,6%).

FONTE ANSA

Previous PROTESTA A NAPOLI DA PARTE DEGLI STUDENTI CHE GRIDANO " NO ALL'ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO E NOI GRATIS NON LAVORIAMO"
Next " LE CAFFETTIERE DEI MIEI BISNONNI" : IL NUOVO LIBRO DI CHIARA ALESSI, NIPOTE DELL'INVENTORE DELLA BIALETTI, PERCHE' : " LE ICONE NON ABITANO PIU' QUI"

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Spari a Chiaia, parla De Giovanni : “Evento annunciato , sembra il set di Gomorra”

“Evento ampiamente annunciato” , cosi si esprime il presidente della prima Municipalità , Francesco De Giovanni, commentando l’evento sconcertante avvenuto nella notte di sabato in quel di Napoli a via

Economia e Welfare

RUBARE PER NECESSITÀ NON È REATO, LA SENTENZA DELLA CASSAZIONE

Rubare per fame non è reato. A sancirlo è la quinta sezione penale della Suprema corte della Cassazione oggi lunedì 2 maggio con la sentenza 18248/16 che ha accolto il

Economia e Welfare

ITALIA ,IL TURISMO SI COSTRUISCE COL DURO LAVORO

“In Italia il 55% degli alberghi ha meno di 25 camere ed è quindi a (difficile) gestione famigliare. Intanto, negli ultimi anni, è esploso un mercato ricettivo parallelo, libero da

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi