Da sbadiglio a orango, 230 nuove emoji

Dallo sbadiglio allo yo-yo, dall’orango all’aquilone, con un’attenzione particolare alle disabilità e all’inclusività: nelle tastiere di smartphone e computer stanno per entrare 230 nuove emoji, che come ogni anno rispecchiano mode, costumi e umori del tempo. I pittogrammi del 2019 sono stati approvati dal consorzio Unicode, che si occupa della loro standardizzazione, e nei prossimi mesi potranno essere usati per colorare chat e messaggini.

L’infornata di quest’anno dà ampio spazio alle disabilità. Tra i disegnini spiccano infatti la sedia a rotelle manuale e quella a motore, la persona sorda e l’apparecchio acustico, il non vendente, il bastone bianco e il cane guida, il braccio e la gamba meccanici. Il reparto medico si arricchisce con il cerotto, la goccia di sangue e lo stetoscopio.

Altro tema evidenziato è l’inclusività, con l’introduzione delle coppie “gender inclusive”. E’ possibile scegliere tra varie combinazioni di due persone che si tengono per mano: uomini, donne o di genere neutro, con varie tonalità di incarnato e capelli. Nello zoo virtuale entrano l’orango e il bradipo, la lontra, la puzzola e il fenicottero; in cucina falafel, waffle, aglio, cipolla, mate e cubetto di ghiaccio.

Previous Cantieri fermi sono 600, valgono 36 miliardi
Next F1 in Australia: Hamilton domina nelle prove libere

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Ri-partire dalle periferie. Il gesuita e sociologo Pizzuti firma il V volume della collana editoriale We Care

Ri-partire dalle periferie. Un ottantenne e un ventenne in dialogo tra politica, chiesa e vita, E’ questo il titolo del quinto volume della collana editoriale We Care, un testo di Domenico

Officina delle idee

RIUNITI A VENTOTENE: IL PASSATO E IL FUTURO DELL’EUROPA

Renzi, Hollande e Merkel riuniti a Ventotene, isola simbolo dell’europeismo, dove nel 1941 Altiero Spinelli immaginò il Manifesto per l’Europa. E’ il primo grande vertice dopo il Brexit tra leader europei, focalizzato

Officina delle idee

Studiare Scienze dell’educazione attraverso i corsi di laurea online

Secondo il recente rapporto Almalaurea, soltanto 3 diciannovenni su 10 decidono di intraprendere un percorso universitario dopo il diploma. Da questa tendenza deriva il ridotto livello di scolarizzazione della società italiana.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi