Da sbadiglio a orango, 230 nuove emoji

Dallo sbadiglio allo yo-yo, dall’orango all’aquilone, con un’attenzione particolare alle disabilità e all’inclusività: nelle tastiere di smartphone e computer stanno per entrare 230 nuove emoji, che come ogni anno rispecchiano mode, costumi e umori del tempo. I pittogrammi del 2019 sono stati approvati dal consorzio Unicode, che si occupa della loro standardizzazione, e nei prossimi mesi potranno essere usati per colorare chat e messaggini.

L’infornata di quest’anno dà ampio spazio alle disabilità. Tra i disegnini spiccano infatti la sedia a rotelle manuale e quella a motore, la persona sorda e l’apparecchio acustico, il non vendente, il bastone bianco e il cane guida, il braccio e la gamba meccanici. Il reparto medico si arricchisce con il cerotto, la goccia di sangue e lo stetoscopio.

Altro tema evidenziato è l’inclusività, con l’introduzione delle coppie “gender inclusive”. E’ possibile scegliere tra varie combinazioni di due persone che si tengono per mano: uomini, donne o di genere neutro, con varie tonalità di incarnato e capelli. Nello zoo virtuale entrano l’orango e il bradipo, la lontra, la puzzola e il fenicottero; in cucina falafel, waffle, aglio, cipolla, mate e cubetto di ghiaccio.

Previous Cantieri fermi sono 600, valgono 36 miliardi
Next F1 in Australia: Hamilton domina nelle prove libere

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

A CASTEL DI SASSO LA “CACCIA ALL’OLIO” ORGANIZZATA DALLA PRO LOCO “LA CASTELLANA”

  “Caccia all’olio”, organizzato dalla Pro Loco “La Castellana”, è l’evento che si svolgerà domenica 5 novembre 2017 per promuovere l’offerta agrituristica e far conoscere le bellezze di Castel di Sasso, in provincia di

Officina delle idee

IL MONDO STA CAMBIANDO PELLE, DOMINA L’INCERTEZZA

Un mondo in corso di mutazione, soprattutto l’Occidente al quale apparteniamo. Una frattura che corre lungo l’Atlantico, tra un’Europa sotto scadenza elettorale e l’America di Donald Trump che sfida il

Officina delle idee

NASCE IL PRIMO DATABESE DELLE “MINIERE CITTADINE”, DOVE L’ELETTRONICA DIVENTA RICICLABILE

Nasce il primo database delle “miniere cittadine”, cioè la moltitudine di materiali di valore estraibili da batterie esauste, auto finite dallo sfasciacarrozze, apparecchi elettrici ed elettronici gettati via. Su urbanmineplatform.eu, 

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi