Da Tokyo arriva Lovot, il robot che rende felici

In principio fu il tamagotchi, giochino elettronico anni Novanta in cui ci si prendeva cura di un essere alieno come fosse un figlio. Oggi, sempre dal Giappone, arriva la sua versione tridimensionale e intelligente: un robot pensato per “rendere le persone felici”, con cui si interagisce come fosse un cucciolo o un bimbo. La novità si chiama Lovot (nome nato dall’unione di “Love” e “Robot”) ed è stata presentata a Tokyo dalla startup Groove X.

Lovot è dotato di intelligenza artificiale e di una cinquantina di sensori che gli consentono di simulare le emozioni umane. Stando alla descrizione sul sito del costruttore, è progettato per “migliorare il livello di comfort e i sentimenti d’amore. Quando lo tocchi, lo abbracci o semplicemente lo guardi, ti senti meglio. È un po’ come provare amore verso un’altra persona”.
Il piccolo robot, dal peso di 3 kg, si aggira per casa su ruote, individua le persone con una videocamera termica e interagisce. Come un bambino, alza le mani per essere preso in braccio, e può essere vestito grazie a una serie di accessori

Previous Istat conferma, a marzo inflazione a 1%
Next SERIE B , ARRIVA LA VAR A PARTIRE DAI PLAYOFF

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

NASCE “POMPEI PER TUTTI”: IL PIU’ GRANDE ITINERARIO DI VISITA AD UN’AREA ARCHEOLOGICA ACCESSIBILE A TUTTI

Sabato 10 febbraio al Parco Archeologico di Pompei sarà presentata l’estensione dell’itinerario “Pompei per tutti” il più grande itinerario facilitato di visita ad un’area archeologica in Italia, inaugurato il 2 dicembre 2016 alla presenza del

Officina delle idee

Misericordia voglio e non sacrifici

di padre Josè Maria Castillo   Il vangelo di Matteo cita due volte il testo del profeta Osea (6, 6) che ho messo come titolo di questa riflessione. Lo ricorda

Officina delle idee

L’intelligenza artificiale sfida l’uomo ai videogiochi

Dopo averlo battuto a scacchi e a poker, l’intelligenza artificiale sfida l’uomo con i videogiochi, come ‘Rubabandiera’. A lanciare al sfida il sistema della Google DeepMind, descritto nello studio pubblicato

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi