DALL’8 DICEMBRE TORNA LA TOMBOLA VAJASSA DI NANA

Una classica Tombola napoletana   irriverente ed esilarante  è in programma dall’8 dicembre all’Epifania al TEATRO TRAM, in Via Port’Alba 30 a Napoli.  Rivivremo la più verace atmosfera dei vicoli dei Quartieri di Napoli con Nanà, originalissimo femminiello napoletano che racconterà storie e situazioni tali da coinvolgere i partecipanti nella più verace atmosfera della tombola, le cui origini risalgono al 1734 quando, durante il periodo natalizio, proibito il gioco del lotto per ragioni religiose, i napoletani crearono con i 90 numeri un gioco parallelo e casalingo.

Queste le date previste: 8 dicembre, 22, 23, 27, 28, 29, 30 e gran finale il 5 gennaio. Si inizia alle 20.30 e prima dello spettacolo sarà servito un primo piatto della tradizione, un dolce ed un bicchiere di vino. La quota di partecipazione è di 25 euro a persona con prenotazione obbligatoria.

Location: Teatro Portalba (TRAM) via port’Alba 30 – Napoli 

Info e prenotazioni: manievulcani@gmail.com; www.manievulcani.com; +39 081 5499953 – cell. 340 4230980 – whatsapp 335 7851710 –

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Previous TERREMOTO ,MATTARELLA PRESENTE ALL'AQUILA PER LA RIAPERTURA DELLA CHIESA DELLE SANTE ANIME
Next Tirrenia, due nuove navi merci da Napoli

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

NAPOLI: AL PALAZZO DEL PAN L’ARTE ESSENZIALE DI IMPROTA

Al Palazzo delle Arti di Napoli Museo PAN, il Comune di Napoli tramite l’Assessorato alla Cultura e la Direzione stessa del PAN presentano la Monografia di Carlo Improta Arte essenziale edito dall’editore Elio

Cultura

“I Borghi più belli d’Italia” partner della 9a edizione di ..incostieraamalfitana.it

Si allunga l’elenco dei partner prestigiosi della 9a edizione di ..incostieraamalfitana.it Festa del Libro in Mediterraneo. Nei giorni scorsi, infatti, il Club “I Borghi più belli d’Italia” ha comunicato ad

Cultura

Dalla Comunicazione ai Beni Culturali, dalle Lingue internazionali alla Piscologia: ecco le eccellenze formative della più antica Università libera italiana

Archeologia, storia dell’arte e turismo che si fondono per la prima volta in Italia in uno stesso corso di laurea triennale dedicato alle Scienze dei beni culturali. È sicuramente questo

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi