Davos, Conte: ‘Il Pil dell’Italia può arrivare a 1,5% nel 2019’

La crescita dell’Italia potrebbe arrivare fino all’1,5% quest’anno. Così il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in una intervista a Bloomberg Tv a Davos anticipata dalla stessa agenzia, sottolineando che non ci sarà nessuna correzione alla manovra e che il rallentamento della crescita è parte di una tendenza a livello mondiale.

“Possiamo dire che la Bce, essendo una banca centrale, non ha un potere valutario adeguato?”, ha affermato il premier a margine del forum economico mondiale. Conte ha aggiunto che “è chiaro che nel sistema attuale la Vigilanza bancaria è insoddisfacente”.

L’Italia centrerà gli obiettivi di deficit per il 2019 e non ci sarà bisogno di una manovra correttiva. Lo afferma il ministro dell’economia Giovanni Tria in un’intervista alla Reuters dal forum di Davos a chi gli chiede se ci sarà bisogno di misure aggiuntive visto il rallentamento dell’economia.

Previous ZALANDO PRESENTA I ROBOT IN MAGAZZINO
Next M5S: “Messaggi elettorali autogestiti, la Regione non paga le emittenti”

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

MIMMO LUCA’:” I CRISTIANO SOCIALI NELLA SINISTRA ITALIANA. UN SEMINARIO PER RIPARTIRE.”

Non siamo pochi ad aver creduto nel progetto del Partito democratico, arrivato al suo primo appuntamento con l’atto fondativo del 2007. In questo seminario proviamo a ripercorrere le tappe e

ultimissime

PENSIONI: IL GOVERNO OPERA UNA TREGUA CON I SINDACATI ED APRE ALLA POSSIBILITA’ DI CORREGGERE IL MECCANISMO DI CALCOLO CHE PORTA AD ADEGUARE L’ETA’ DI USCITA ALL’ASPETTATIVA DI VITA

Il governo apre alla possibilità di correggere il meccanismo di calcolo delle pensioni che porta ad adeguare l’età di uscita all’aspettativa di vita e di escludere dallo scatto a quota

ultimissime

“V Conferenza nazionale sulle politiche in materia di disabilità”, parte la campagna informativa del Ministero

Sabato 16 e domenica 17 settembre si svolgerà a Firenze la “V Conferenza Nazionale per le Politiche della Disabilità” alla quale parteciperanno Istituzioni, Enti del Terzo settore e organizzazioni rappresentative

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi