De Luca, Esercito contro assembramenti

Il Presidente Vincenzo De Luca ha scritto al Presidente del Consiglio dei Ministri, ai ministri dell’Interno e della Difesa e al Capo della Protezione Civile Nazionale.

Ecco il testo della missiva:

“Nonostante i numerosi provvedimenti adottati per finalità di prevenzione e contenimento del rischio di contagio da COVID-19, in diverse parti del territorio regionale continuano a registrarsi ancora assembramenti dei cittadini e trasgressioni alle prescrizioni che sono state imposte in sede nazionale e regionale.

Le misure adottate, a tutta evidenza, non possono rivelarsi efficaci se non vengono garantiti capillari controlli e se non si irrogano le necessarie sanzioni nei confronti di comportamenti gravemente irresponsabili.

Si chiede, per tali ragioni, un impegno straordinario delle Forze dell’Ordine e la presenza dell’Esercito, quali misure ormai indispensabili in funzione della dissuasione degli assembramenti, della mobilità ingiustificata, di forme illegittime di ambulantato sul territorio.

Per ragioni di coordinamento organizzativo, si ritiene altresì utile essere informati sul numero delle pattuglie messe a disposizione in funzione delle necessarie attività di controllo rispetto ai fenomeni sopra descritti”.

Previous CARCERI? CHE COSA SI PUO' FARE SUBITO SUL PIANO NAZIONALE E LOCALE. E' UNA CAPORETTO PER IL DAP. IL GARANTE CIAMBRIELLO: “SERVONO MISURE URGENTI, SI RISCHIA IL COLLASSO. ”
Next Coronavirus, la Regione sospende le scadenze in materia di edilizia residenziale pubblica e sociale

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Via libera dal Consiglio dei Ministri alle unioni civili

Il Consiglio dei ministri, presieduto dal premier Gentiloni appena dimesso dall’ospedale dopo un intervento di angioplastica, ha dato via libera ai tre decreti attuativi sulle unioni civili. Ciò, spiega il

ultimissime

CARCERI.RAPPORTO DI ANTIGONE:CRESCE IL NUMERO DEI DETENUTI E ANCORA AL DI SOTTO DEI 3MQ IN CELLA.PIU’ DI 350MILA PROCESSI DALLA DURATA IRRAGIONEVOLE.

Più di 350 mila processi dalla durata irragionevole, quasi 3 mila detenuti in più negli ultimi 12 mesi, troppa custodia cautelare nonostante le nuove leggi, 15 mila detenuti che potrebbero

ultimissime

CONSULTA :LA GRAVE MALATTIA MENTALE PUO’ ESSERE CURATA FUORI DAL CARCERE. SICUREZZA E CURA DEVONO ESSERE BILANCIATE

D’ora in poi, se durante la carcerazione si manifesta una grave malattia di tipo psichiatrico, il giudice potrà disporre che il detenuto venga curato fuori dal carcere e quindi potrà

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi