De Luca, non saremo come Bergamo

All’indomani della polemica con la Protezione civile, il governatore Vincenzo De Luca fa il punto in diretta Facebook.

«Il governo sta facendo un lavoro importante, ha preso misure rigorose che condivido, sanzioni pesanti, ma sarebbe stato più efficace prenderle da subito queste misure. Avremmo impiegato meno tempo e avremmo stressato di meno i cittadini raggiungendo un effetto più tempestivo», ha attaccato il governatore rivendicando di aver anticipato i tempi nell’aver assunto misure più severe, come chiusura parchi e stop dell’attività sportiva all’aria aperta. Ma sia chiaro, ha sottolineato De Luca, «Nessun conflitto con il governo, io parlo chiaro e ho alzato i toni per aiutare i cittadini ma in spirito di collaborazione. Noi siamo solidali con il governo». Lo ha sottolineato il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, «io parlo con spirito di collaborazione». «A me basta che mi si dicano cose chiare – ha spiegato – mi si dica con sincerità in tempo utile: guarda che non ce la facciamo. Bisogna che qualcuno parli e ci informi. Lunedì sera eravamo arrivati ad un livello tale di criticità che mancavano le mascherine da destinare agli operatori del 118 – ha detto – abbiamo parlato per questo chiaro e forte consapevoli che non è un problema della Campania ma nazionale. Lo abbiamo fatto con spirito di collaborazione ma non siamo interessati a dare i voti, non siamo legittimati a farlo, ma siamo interessati a risolvere i problemi».

È un fiume in piena, il governatore: «Qui in Campania dobbiamo combattere due nemici – ha detto – Il primo è il virus, il secondo sono i portaseccia. Dicansi portaseccia – ha scherzato – i soggetti dotati di poteri oscuri che hanno ereditato, gente che sta male se le cose vanno bene. Avete un tale buco nero tra le le vostre orecchie che non consente l’uscita del pensiero». «Io ho detto che senza forniture eravamo vicino al collasso, loro hanno detto che la Campania è al collasso, non è arrivato alcun collasso». 

Previous Coronavirus, Azzolina :" Stiamo vagliando diverse decisioni ma le notizie sulla didattica a distanza a Luglio sono false"
Next La quarantena fa aumentare gli abbonamenti a Netflix e a Zoom

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

MUORE IL MONSIGNOR ANTONIO RIBOLDI , VESCOVO EMERITO DI ACERRA

E’ morto il monsignor Antonio Riboldi, per tutti don Antonio, vescovo emerito di Acerra (Napoli).  Il decesso è avvenuto all’alba, a 94 anni, a Stresa, in Piemonte, presso la casa dei

ultimissime

L’ARTE DEL PIZZAIUOLO NAPOLETANO PATRIMONIO DELL’ UMANITA’, DE LUCA: ” LA CAMPANIA E’ IL LUOGO IN CUI L’ ECCELLENZA ALIMENTARE, DIVENTA CULTURA”

“L’arte del Pizzaiuolo Napoletano proclamata questa mattina Patrimonio dell’Umanità, è un grande riconoscimento per l’Italia, per Napoli e la Regione Campania”. Così si è espresso  il presidente della Regione Vincenzo

ultimissime

NAPOLI: NUOVA RISSA TRA MINORENNI, DENUNCIATI I PARTECIPANTI

Dei gruppi di minorenni scatenano una rissa, ed  intervengono i carabinieri e denunciano quattro dei partecipanti. É accaduto nel centro di Sant’Antonio Abate, nel Napoletano. I quattro minorenni, incensurati, sono

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi