DE LUCA:”RISPETTO L’OPERATO DELLA MAGISTRATURA. IL CONROLLO DI LEGALITA’ NEI CONFRONTI DI CHIUNQUE E’ DOVEROSO IN DEMOCRAZIA”

Anni di pesante aggressione politica e mediatica per nulla. Anni di un calvario che avrebbe fatto scoppiare il cuore a chiunque. Abbiamo retto per le profonde motivazioni ideali e morali, e per l’assoluta serenità di coscienza“. Così, Vincenzo De Luca, dopo la sentenza di assoluzione legata alla vicenda della costruzione del termovalorizzatore di Salerno.
Esprimo il mio rispetto per la magistratura, la cui autonomia è un bene per i cittadini onesti e non un privilegio di alcuni. Il controllo di legalità nei confronti di chiunque è doveroso in democrazia – ha dichiarato De Luca – .
Mi auguro che si esaurisca, nel dibattito pubblico, la tendenza dilagante a calpestare con disinvoltura la dignità di persone e famiglie oltre le regole di uno Stato di diritto.
Mi auguro che si affermi l’abitudine a confrontarsi civilmente, in un clima di rispetto reciproco.
L’essere uomini – ha concluso De Luca – , è più importante delle bandiere di partito“.
Previous LA PARTITA DEL TIFOSO
Next ROSETTA D'AMELIO IN VISITA AL POLICLINICO NUOVO DI NAPOLI

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Discorso di fine anno di fine anno di António Guterres, Segretario Generale dell’ONU.

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres, invia un augurio per un nuovo anno «fortunato, prospero e tranquillo», lo ha rivolto ai cittadini del mondo a impegnarsi nel 2019

Qui ed ora

Raffaele Cantone lascia l’Anac:”Ciclo si è chiuso, mutato approccio verso Autorità. Per toghe fase critica, non sarò spettatore”

Raffaele Cantone lascia l’Anac. Dopo oltre cinque anni alla presidenza dell’Anticorruzione, lo annuncia lui stesso in una lettera sul sito dell’Autorità. “Sento che un ciclo – si legge nel testo

Qui ed ora

Carabiniere ucciso, Cerciello e il collega erano in bermuda, senza pistola e senza tesserino

Continuano le indagini sull’omicidio di Mario Cerciello Rega, il vicebrigadiere dei carabinieri ucciso il 26 luglio a Roma. Indagati sono gli americani Finnegan Lee Elder e Gabriel Natale Hjorth, attualmente in carcere. Molti sono

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi