Decreto Rilancio, è legge, ok fiducia al Senato con 159 sì

Il decreto Rilancio è stato approvato definitivamente e diventa legge. Il Senato ha confermato la fiducia al governo sul provvedimento, con 159 voti a favore, 121 contrari e nessun astenuto. Approvato alla Camera lo scorso 9 luglio e in scadenza sabato, prevede interventi per un valore di 55 miliardi di euro per limitare l’impatto economico dell’emergenza sanitaria su imprese, lavoratori con partite Iva, dipendenti, famiglie e terzo settore.

Il provvedimento ha messo in campo interventi da 55 miliardi di euro per limitare l’impatto economico su imprese, partite Iva, dipendenti, famiglie e terzo settore. Fra le misure originarie: i contributi a fondo perduto per le aziende, lo stop ai pagamenti dell’Irap, il Reddito di emergenza, l’innalzamento da 600 euro a 1200 del bonus baby sitter. Il passaggio alla Camera ha portato una serie di novità, come l’allargamento alle seconde case del superbonus al 110%, gli incentivi per l’acquisto di auto Euro 6, l’aumento dei fondi destinati alle scuole paritarie, lo slittamento di un mese dei congedi per i genitori, l’anticipo della cig prevista per l’autunno.  Nel giorno del giro di boa del Dl Rilancio a Montecitorio, l’Ue ha dato il via libera allo schema da 6,2 miliardi di euro per sostenere le piccole imprese e gli autonomi, con le sovvenzioni dirette.

Previous #FreeBritney: continua l'appello social dei fan per liberare la cantante dalla tutela legale del padre
Next Coronavirus, Speranza: "Stop ingressi da Serbia, Montenegro e Kosovo"

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

NAPOLI, PROCURATORE GENERALE RIELLO:” IL FATTO INDISCUTIBILE CHE A NAPOLI, I GALANTUOMINI SIANO IN NUMERO DECISAMENTE MAGGIORE DEI DELINQUENTI”

“Il fatto, indiscutibile, che a Napoli e, più largamente nella nostra regione, i galantuomini siano in numero decisamente maggiore dei delinquenti non può lasciarci credere che l’egemonia culturale sia nelle

ultimissime

De Luca sul Movimento Cinque Stelle: “Negli anni passati quando leggevamo il voto della Terra dei Fuochi pensavamo all’inquinamento camorristico. Se andiamo a leggere oggi il voto M5s in alcuni territori abbiamo la sovrapposizione moltiplicata di quel voto”

Il risultato vincente dei Cinque Stelle finisce nel mirino del governatore Vincenzo De Luca, che ne ha parlato nella direzione regionale dem , dichiarando in merito: “Com’é possibile – si

ultimissime

#iorestoacasa. Conte: “L’Italia diventa un’unica zona protetta”

“Oggi è il momento della responsabilità. Non possiamo abbassare la guardia”. Così il premier Giuseppe Conte parlando delle nuove misure contro il coronavirus tra le quali spicca il superamento delle

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi