Decreto sicurezza bis, è conta in Senato. Prova dei numeri in Aula a Palazzo Madama.

L'Aula del Senato © ANSA

Il dl Sicurezza Bis è composto di diciotto articoli, di cui i primi cinque riguardanti il soccorso in mare. Gli altri modificano il codice penale, in particolare la gestione dell’ordine pubblico durante le manifestazioni sportive e di protesta.  Il ministro dell’Interno, recita il provvedimento, “può limitare o vietare l’ingresso, il transito o la sosta di navi nel mare territoriale” per motivi di sicurezza, quando venga violato il testo unico sull’immigrazione e sia stato compiuto il reato di “favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”. Inoltre, in caso di “violazione del divieto di ingresso, transito o sosta in acque territoriali italiane”, il comandante della nave viene sanzionato con una multa che va dai 150mila euro fino al milione. E’ previsto anche il sequestro dell’imbarcazione.

Il testo prevede uno stanziamento di tre milioni di euro nel prossimo triennio per il contrasto al reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e per operazioni di polizia sotto copertura: 500 mila euro per il 2019, un milione per il 2020 e un milione e mezzo per il 2021.

Il ministero della Giustizia è autorizzato ad assumere ottocento persone nel biennio 2019-2020 con contratti a tempo determinato di un anno. E’ previsto uno stanziamento di circa ventisette milioni di euro. Viene rafforzato il Daspo, previsto per “coloro che vengono denunciati per aver preso parte attiva a episodi di violenza su persone o cose in occasione o a causa di manifestazioni sportive, o che nelle medesime circostanze abbiano incitato, inneggiato o indotto alla violenza”; “coloro che risultino avere tenuto, anche all’estero, sia singolarmente che in gruppo, una condotta finalizzata alla partecipazione attiva a episodi di violenza, di minaccia o di intimidazione”; “coloro che risultino denunciati o condannati, anche con sentenza non definitiva, nel corso dei cinque anni precedenti”. Infine, una nuova fattispecie delittuosa punisce chi, nel corso di manifestazioni in luogo pubblico, utilizza in maniera pericolosa razzi, fuochi d’artificio, petardi ma anche mazze, bastoni o altri oggetti contundenti.

Il governo ha posto la questione di fiducia sul decreto legge Sicurezza bis, in discussione al Senato. Lo ha comunicato all’aula il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Riccardo Fraccaro.

Applausi di scherno e grida “vergogna” si sono levati dai banchi del Pd quando, in Senato, il ministro per i rapporti con il Parlamento, Fraccaro, ha comunicato che il governo avrebbe posto la fiducia. Dalla maggioranza, prima i senatori della Lega e poi quelli del M5S, dopo qualche secondo hanno risposto, a loro volta, con applausi di scherno rivolti ai parlamentari del Pd.

Previous Rifiuti.A rischio raccolta nel Beneventano. Il Presidente De Luca:" Vedo che ci sono comuni che dormono in piedi e non predispongono soluzioni di emergenza."
Next Venezuela, dai colloqui alle Barbados emerge una speranza di ripresa, al confine con il Brasile cresce la denuncia del traffico di minori.

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2016: DEJA VU TRA DE MAGISTRIS E LETTIERI, TONFO PD

Ci si appresta dopo 4 anni, ad nuovo dèja vu per le elezioni a sindaco di Napoli, tra il candidato lista Dema, nonche’ sindaco uscente, De Magistris e il candidato

Qui ed ora

UMBERTO DEL BASSO DE CARO:”LA DEVOZIONE VERSO SAN PIO HA ORMAI UNA DIMENSIONE GLOBALE”

“Oggi ho provato una forte emozione ed una intensa commozione davanti alle spoglie di San Pio. Un momento davvero toccante. Con la mia visita a Pietrelcina ho portato anche l’omaggio

Qui ed ora

TENUTA DI CASTELPORZIANO: ALLA PRESENZA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SI E’ AVVIATA LA FESTA CHE CHIUDE I SOGGIORNI DI ADULTI E MINORI DISABILI , COME PROMOSSO DAL QUIRINALE

Con il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, si è svolta nella Tenuta di Castelporziano, la festa conclusiva dei soggiorni previsti, su iniziativa del Quirinale, in favore di adulti e minori

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi