Diamo un calcio all’indifferenza nella Casa di Reclusione di Aversa.

Oggi, nella Casa di Reclusione di Aversa è stato ospitato l’evento “Diamo un calcio all’indifferenza”, iniziativa organizzata dal Garante Campano dei Detenuti, Samuele Ciambriello, e dalla Professoressa Mena Minafra del dipartimento di Giurisprudenza -Università Vanvitelli, tale iniziativa è stata accolta con piacere dalla Direttrice dell’istituto aversano, Carlotta Giaquinto e dal Comandante.
L’evento ha visto in campo studenti della facoltà di giurisprudenza dell’Università “Luigi Vanvitelli” di Caserta e alcuni detenuti in rappresentanza delle diverse sezioni del carcere di Aversa, il calcio di iniziò è stato dato dal Garante e dal Professore Mariano Menna, docente dell’Università Vanvitelli.
Questo evento rappresenta l’inizio di una collaborazione tra le due Istituzioni, che hanno già firmato una convenzione per lo svolgimento tirocini formativi.
Per Samuele Ciambriello: <<è molto utile che questi giovani studenti partecipino a queste iniziative , per diversi motivi tra i quali: “poter vedere la realtà carceraria oltre quello che trovano all’interno dei libri, “creando” degli studenti di giurisprudenza consapevoli.
Insomma un vieni e vedi che li libera e li forma”>>

Previous RICOLLOCAZIONE DELL'OPERA DI GIUSEPPE ROMAGNOLI "L'AMOR PATRIO E IL VALORE MILITARE" NELLA SUA SEDE ORIGINARIA SULLA FACCIATA DI PALAZZO D'ACCURSIO IN PIAZZA MAGGIORE
Next Salvini sui rom 'tira dritto', il richiamo dell'Ue

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Vomero: medicinali scaduti sul marciapiede

“ La raccolta differenziata a Napoli stenta a decollare. Il dato è sotto gli occhi di tutti. Ciò vale, in particolare, per le campane per la raccolta della carta, del

Economia e Welfare

AGENZIA EUROPEA PER I MEDICINALI, COLOMBO CLERICI : “EMA, QUALE TUTELA PER L’ITALIA”

Se il dossier presentato dall’Olanda per l’assegnazione ad Amsterdam dell’ EMA presenta, come affermato dal Comune di Milano, delle lacune e in sede di valutazione tecnica da parte degli organi

Economia e Welfare

Migranti, dall’1 giugno 9.500 domande regolarizzazione

I dati sui primi 4 giorni del processo di regolarizzazione dei migranti – si apprende – indicano che circa 9.500 domande sono già state inviate o in corso di presentazione.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi