Direzione Pd: Renzi, “campagna elettorale alle porte, sforzo unitario Pd. No abiure”. Cuperlo:”Berlusconi vinse perchè PDS e Popolari andarono divisi.”

Il Pd farà uno sforzo unitario, ma non è disponibile ad abiure sulle riforme fatte. E’ il messaggio di Matteo Renzi alla direzione del Pd, che si è conclusa con l’approvazione di un documento unitario, senza alcun voto contrario. “Siamo alle porte della campagna elettorale – ha esordito il segretario – e lo sforzo unitario che si chiede all’esterno va praticato all’interno in primis da chi dirige e questo che vuol dire parlare del Paese e con il Paese”.
“Noi – ha detto ancora – siamo col treno nel Paese, il Pd è lì e a chi dice cancelliamo il passato per ragionare del futuro, dico che dobbiamo rivendicare con forza quello che abbiamo fatto. Certo ci sono stati limiti e difficoltà ma in questi anni si è prodotto un miglioramento del Paese. Abbiamo recuperato il gap, abbiamo rimesso in moto il Paese e abbiamo tanto da fare. Ma chi si esercita in richieste di abiura di quanto fatto, non si rende conto di dove eravamo tre anni fa”. “Sulla rivendicazione del passato non faremo alcun passo indietro. Ovviamente la sfida è il futuro e il futuro è una pagina totalmente bianca da scrivere e o la scriviamo noi o la destra”.
“Anche con le persone da cui siamo stati divisi – ha detto ancora – da discussioni e polemiche c’è più sintonia che con gli avversari storici, non solo perché governiamo insieme in 14 regioni ma perché molte cose fatte le abbiamo fatte insieme. Non sarà il Pd a mettere veti o paletti alla coalizione più ampia possibile, forse abbiamo opinioni diverse sulla buona scuola ma non sulla necessità del tempo pieno anche al sud come al nord”. “Chi vorrà rompere lo dovrà fare in modo trasparente e chiaro perché da noi non troverà alcuna sponda”, ha detto ancora. “Credo che sia cruciale che sia coinvolta l’area moderata così come i Verdi, Idv e i Radicali con i quali c’è una discussione non scontata né chiusa. Poi vogliamo il dialogo a sinistra in primis con Cp, a cui lanciamo parole di dialogo e disponibilità come quelle che in larga parte abbiamo sentito ieri, e vogliamo un confronto con Mdp, SI e Possibile”.
“Dobbiamo togliere dal campo” del dibattito sulle coalizioni “il tema dei diritti. Non è che facciamo lo ius soli per fare l’accordo con Mdp. Lo facciamo perché un diritto è un diritto, senza scambiarlo in un accordo di coalizione. Cercheremo di farlo, senza creare alcuna difficoltà alla chiusura ordinata della legislatura, rispettando ciò che il governo e la coalizione vorranno fare, non pensiamo siano temi su cui fare l’accordo”.
A Fassino ruolo di ‘pontiere’ con la sinistra – “Mi hanno accusato – ha detto Renzi – di perseguire la filosofia del’uomo solo al comando. Ma io invito tutti a dare una mano, nessuno escluso. Chiedo a tutti di essere aiutato in questo percorso. Per il mondo della sinistra voglio chiedere a Piero Fassino di darmi una grande mano vista la sua esperienza di segretario dei Ds”.
Michele Emiliano raccoglie, nel suo intervento in direzione, l’appello di Renzi all’unità del Pd, sostiene lo sforzo nell’apertura alla costruzione della coalizione del centrosinistra e, a quanto si apprende, si dice pronto a votare il documento unitario che sarà messo ai voti al termine della direzione.
Arriva il commento di Bersani alle parole di Renzi: “Maggiore sintonia con Mdp? Non lo so, bisogna vedere cosa dice sul resto – rileva Bersani -. Lui si preoccupa sempre di rivendicare quello che si è fatto ma purtroppo c’è qualche milione di elettori che non sono d’accordo, e non sono Bersani o Speranza, che hanno un giudizio critico su tante cose che si sono fatte. Seguiamo la discussione. Basta che si sappia che le chiacchiere stanno a zero, adesso ci vogliono dei fatti”.
Per Anna Finocchiaro “il Pd unito per costruire un’ampia alleanza di centrosinistra. Ora atti concreti da parte di tutti per scrivere insieme un nuovo progetto politico. Questa la giusta linea della #direzionePd”.
Il capogruppo Ettore Rosato su twitter commenta l’intervento del segretario dem alla direzione Pd: “Chiaro Matteo Renzi: per consentire al paese di crescere e per scrivere nuova pagina serve un centrosinistra unito. Dove lavoro, scuola, Sud siano ancora parole e contenuti fondamentali.”

• CUPERLO: “BERLUSCONI VINSE PERCHÈ PDS E POPOLARI DIVISI”
Gianni Cuperlo nel suo intervento ha ricordato che 23 anni fa Berlusconi vinse perché allora Pds e Popolari andarono divisi. Ma due anni dopo, quando si presentarono uniti, vinse Prodi”. “Oggi – ha ammonito Cuperlo – può succedere la stessa cosa se staremo divisi”. “La nuova ‘cortina di ferro in Europa – ha sottolineato – è tra i nuovi nazionalismi di estrema destra e la democrazia”. “Non fatico affatto a scorgere i meriti dell’azione del governo – ha ammesso Cuperlo – adesso, però, se è giusto opporsi ad abiure, occorrono gesti che diano il segno di una volontà reale, oggettiva, di dialogo”.

Oggi, ha continuato, “il primo nemico di questo partito è l’isolamento”. Quindi, rivolgendosi al segretario, ha proseguito: “Tu Matteo hai questo enorme carico sulle spalle, ma noi siamo qui per aiutarti, se decidiamo oggi di andare fino in fondo, di ricucire, tu uscirai da questo come il leader che ha avuto il metodo storico di non affossare un pezzo della storia, Ti invito ad avere il coraggio e la determinazione dell’unità”. In caso di fallimenti, Cuperlo ha fatto capire che si troverebbe in una difficile condizione per poter continuare a rimanere nel Pd.

Intanto in mattinata il segretario del Pd ha incontrato una delegazione dei Radicali e di Forza Europa.

Previous CAMPANIA, MOZZARELLA DI BUFALA DOP: DAL 2006 AL 2016 SI RADDOPPIA L’EXPORT
Next SALERNO : XXII EDIZIONE DI LINEA D’OMBRA FESTIVAL

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

BERLUSCONI PARTECIPA AL CONGRESSO DEL PPE,INCONTRA LA MERKEL E FA ARRABBIARE SALVINI E MELONI.

Berlusconi a Malta da Tusk e Merkel con Alfano e Casini, Salvini e Meloni a Roma a chiedersi il perché. Il congresso del Ppe agita le acque nel centrodestra e

ultimissime

LE PAROLE DI SARRI SU NAPOLI-JUVENTUS :” PER LA CITTA’ NON E’ UNA PARTITA COME TUTTE LE ALTRE E LA SQUADRA DEVE ESSERNE CONSAPEVOLE “

“La pressione positiva è importante. Per la città questa non è una partita come tutte le altre e la squadra deve esserne consapevole. Vincere qui ha un altro sapore. L’ho

ultimissime

FIUME SARNO: 23 COMUNI CHIEDONO ALLE AUTORITA’ DI AVVIARE DEGLI INTERVENTI DI DISINQUINAMENTO DEL FIUME

Le bottiglie d’acqua tra contenuti cristallini e  altre con contenuto più torbido, altre ancora molto  scure. Tutte poggiate su un manifesto della Rete a difesa del fiume Sarno. Si è

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi