DIRITTI E TECNOLOGIA, LEZIONE MAGISTRALE DI GIULIANO AMATO ALL’UNIVERSITA’ SUOR ORSOLA BENINCASA DI NAPOLI

I nuovi diritti nel mondo delle tecnologie, le nuove norme per governare la “rete”, il ruolo della giurisprudenza nell’interpretazione del diritto che si adegua alle istanze delle nuove tecnologie. Saranno molto attuali i temi della lezione magistrale su “Diritti e tecnologie” all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli dell’ex presidente del Consiglio, Giuliano Amato, dal 2013 giudice della Corte Costituzionale.

 

L’appuntamento è fissato per martedi presso il Convento di Santa Lucia al Monte, sede della Facoltà di Giurisprudenza, che anche quest’anno ha promosso un lungo ciclo di lezioni magistrali, che raduna ogni primavera a Napoli i grandi maestri del diritto italiano per un focus tematico specifico, aperto non solo agli studenti delle Università napoletane e all’intera comunità dei giuristi, ma anche liberamente aperto al pubblico, in considerazione della stretta attualità e dell’interesse generale delle tematiche prescelte. E di grandissima attualità è proprio il tema di quest’anno: il rapporto tra il diritto e la tecnologia è il filo conduttore delle sette lezioni magistrali del 2016, che hanno ottenuto anche il riconoscimento del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli per la concessione dei crediti formativi professionali.

 

“Lo sviluppo tecnologico delle società avanzate – spiega Aldo Sandulli, preside della Facoltà di Giurisprudenza del Suor Orsola – ha contribuito, negli ultimi decenni, a trasformare il rapporto dell’individuo con l’ambiente e a ridisegnare l’assetto geopolitico globale. Il giurista contemporaneo è inevitabilmente immerso in questo processo, con conseguenze sulla sua formazione, sulla sua attività e sul suo stesso ruolo all’interno della società. La relazione fra nuove tecnologie e diritto si esplica attraverso una significativa trasformazione degli strumenti di accesso ai diritti, delle forme della loro tutela e della connessa attività ermeneutica. Insieme al notevole impatto sulle figure giuridiche tradizionali, le nuove tecnologie cooperano alla costruzione di nuove generazioni di diritti (si pensi, in particolare, a quelli legati alle tecnologie informatiche e biomediche) e ci sollecitano nuove riflessioni che siano da stimolo per il legislatore, il giurista teorico e l’interprete”.

 

Il Programma della dodicesima edizione

 

Ogni martedì alle 16 fino al 17 maggio presso il Complesso di Santa Lucia al Monte, sede della Facoltà di Giurisprudenza del Suor Orsola, il tema del rapporto tra diritto e tecnologia verrà sviscerato ed analizzato in ogni ambito ed angolazione del diritto:  dalla rivoluzione dei Big Data ai brevetti per le invenzioni, dal rapporto tra processo penale e nuove tecnologie a quello tra tecnologie, amministrazioni e sviluppo economico. Tutte le lezioni saranno raccolte nella collana “Lezioni Magistrali” della Facoltà di Giurisprudenza pubblicata per i tipi della Editoriale Scientifica, della quale fanno già parte tutte le lezioni magistrali dei primi undici cicli.

 

Programma completo su www.unisob.na.it/eventi

Previous CON LA PALESTINA NEL CUORE, A NAPOLI UN INCONTRO VERBALE, UDITIVO E TATTILE, PRESSO CASARCOBALENO
Next ACQUA, TRADIMENTO DI STATO

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Sport, integrazione degli alunni stranieri, Olimpiadi di Public Debate Giannini: “Stanziati 80 milioni per l’ampliamento dell’offerta formativa e l’autonomia scolastica”

Due milioni di euro per l’integrazione degli studenti disabili e con bisogni educativi speciali; 6,7 milioni di euro per il potenziamento dello sport a scuola; più di 6 milioni per

Officina delle idee

FALCHI, FALCONE E I GIOVANI DEL PD

Uno spera di trovare idee nuove, ma a volte si scontra con un settarismo vecchio, pardon, obsoleto. Ricapitoliamo: perché si fanno le primarie? Per scegliere il candidato di un partito

Officina delle idee

LAVORO : NASCE UNA NUOVA AGENZIA PER IL LAVORO .PROMUOVERA’ LA FORMAZIONE PER DONNE , GIOVANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI

Secondo l’ultima rilevazione Istat sulle forze lavoro (pubblicata a maggio 2017), nel nostro Paese il numero di disoccupati continua ad aumentare. Si stimano oltre 3 milioni di persone disoccupate (+51mila

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi