DisarmiAMO Napoli.Un popolo in cammino contro la camorra.Alla manifestazione testimonianze di familiari di vittime innocenti e di un figlio di un camorrista.

“I nostri genitori ci hanno pregiudicato per tutta la vita”. Sono parole forti quelle pronunciate da Antonio Piccirillo, figlio del boss Rosario Piccirillo, che oggi dal corteo anticamorra sceso in piazza a Napoli invita tutti a ribellarsi alla camorra. Per primi i figli dei camorristi.Quando prende la parola la piazza lo applaude, lo sostiene.Accanto a lui, dopo un lungo abbraccio, c’è Samuele Ciambriello, Garante dei Detenuti della Regione Campania, che lo accoglie e dice: “Ci sono storie come questa di Antonio che sono piccole cose dal valore non quantificabile, questa è una delle centinaia di storie in positivo, però occorre proteggerle, coltivarle e soprattutto promuoverle.”Più di mille persone hanno partecipato alla marcia anticamorra in piazza Nazionale «DisarmiAmo Napoli» organizzata da «Un popolo in cammino» con tante associazioni, familiari delle vittime innocenti della criminalità, sindacati e istituzioni. Assente invece la gente del quartiere, dove venerdì pomeriggio la piccola Noemi, 4 anni, ricoverata in Rianimazione al Santobono, è rimasta ferita per un proiettile che le ha attraversato i polmoni. «Non è possibile che la gente sia omertosa di fronte a quanto accaduto – tuona una donna riferendosi alle tante persone affacciate ai balconi in piazza – perché quello che è accaduto potrebbe capitare a chiunque e non è giusto voltarsi dall’altra parte». «Che nessun genitore sperimenti questa esperienza al limite – dice Maria Luisa Iavarone, in piazza insieme al figlio Arturo – la vita ha un valore supremo. Oggi Arturo è qui con noi, aspettiamo presto Noemi, perché anche lei sia parte di un grande popolo che ha scelto di liberarsi e di vivere libera perché questa storia ci deve insegnare molto di più di quanto non ci stia dicendo oggi». «Sono stato a questa manifestazione oggi a piazza Nazionale a Napoli – dichiara Samuele Ciambriello, garante dei detenuti della Campania – Siamo stanchi della violenza, della crudeltà di questi criminali, della malavita organizzata. Stanchi delle parole e delle promesse. Ero lì per testimoniare una reazione civile, sociale e culturale. Ero lì per mettere un argine agli impresari della paura, ai vacui slogan tardivi della politica romana. Ero lì per denunciare che mancano le risorse per scuola, cultura, welfare e lavoro. Ero lì per tallonare chi parla della resipiscenza civica sui social ma non è tra le persone. In cammino con le persone. Meglio esserci che discutere sempre sull’essere». Tante le testimonianze di chi ha perso un familiare a causa della criminalità, come i parenti delle vittime innocenti come Antonio Landieri, Gianluca Cimminiello e Palma Scamardella, che hanno preso la parola per ricordare il sacrificio dei loro cari.

Previous Radicali a Bellizzi Irpino: sanità insufficiente e mancanza di lavoro in carcere per i detenuti
Next Papa Francesco a Sofia,in Bulgaria:"Non chiudere gli occhi,non chiudere il cuore non chiudere la mano a chi bussa alle vostre porte."

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

De Gregorio(EAV):”I problemi sono tanti ma ci stiamo muovendo”

Con una nota inviata alla stampa, Umberto De Gregorio è intervenuto sulla questione riguardante i trasporti in Campania. Il presidente dell’EAV, nominato dalla giunta De Luca nello scorso mese di

Economia e Welfare

ISTAT: IN AUMENTO DELLO 0,3% SU BASE MENSILE E DELLO 1,6% SU BASE ANNUA I COSTI DEI BENI ALIMENTARI E DELLA CURA DELLA CASA

I costi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona sono in aumento dello 0,3% su base mensile e dell’1,6% su base annua (da +1,7% di ottobre).

Economia e Welfare

NAPOLI: UN 13ENNE E’ STATO RICOVERATO IN FIN DI VITA PER ALCOL E DROGA

E’  stato ricoverato con prognosi riservata, ma non sta per perdere la vita  per aver assunto sostanze alcoliche e droga. Infatti, un 13enne di San Sebastiano al Vesuvio (Napoli) è

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi