DONNE DIACONO,DOVE SOFFIA LO SPIRITO,PER RIMONTARE 200 ANNI DI RITARDO.

Basterebbe riconoscere dove soffia lo Spirito. Non deciderlo.

– Giacomo D’Alessandro* –

Fa ben sperare l’apertura di un cammino verso il diaconato femminile ai livelli più alti della Chiesa Cattolica.

Un esito positivo sarebbe uno dei primi passi concreti – consentiti dalla presenza di papa Bergoglio – per rimontare quei “200 anni di ritardo” della Chiesa prospettati dal Cardinal Martini nel suo testamento spirituale.
Di fronte alla quantità di storture e distorsioni storiche accumulate, cenere su cenere sopra le braci ardenti, può sembrare una irrilevanza. Ma è togliendo alcuni sassolini chiave che si accelera lo sbriciolamento della diga intera, e che al contempo si concede una gradualità che eviti l’inondazione travolgente a scapito dei “piccoli” e di chi certi problemi non è mai stato aiutato a porseli.
Non è un caso che siano proprio le donne protagoniste di certi slanci, mentre di fronte ai cambi di passo e alle parole dure di papa Francesco il clero ingessato e smarrito perlopiù fa orecchie da mercante (magari si attrezza per accogliere qualche rifugiato, ed è un ottimo inizio, ma guai a recepire quanto attiene ad autocritiche e riforme strutturali della Chiesa). Nel mio ultimo soggiorno a Scampia (perché dalle periferie si osserva meglio il resto del mondo e si toccano i propri limiti), ho parlato a lungo con padre Domenico Pizzuti – ancora attivo a 87 anni soprattutto nel dialogo tra rom e istituzioni – lucido osservatore gesuita e sguardo sociologico curioso e attento. Il cruccio dell’esclusione delle donne dai ministeri è spesso tema del nostro confronto, non tanto sul livello teologico quanto osservando le pratiche nelle diocesi e nelle comunità, e le “diaconie di fatto” che esistono ma non sono incoraggiate né riconosciute con pari autonomia e dignità.
Ben venga dunque la messa allo studio della questione, ma se non viene valorizzata la pratica della vita e il riconoscimento di dove lo Spirito soffia, si rischia di restare imprigionati sui libri e sui concetti come quelli che “hanno occhi e non vedono, hanno orecchi e non sentono”. La via del “discernimento” caso per caso, e dell’autonomia della coscienza in cammino, che il papa e il Sinodo hanno indicato per superare la questione “comunione ai divorziati risposati”, di fatto aprendo ma senza rotture, andrebbe via via applicata a tutti gli ambiti, primo fra tutti quello vocazionale, che per decenni e secoli sono rimasti bloccati e impigliati nei pronunciamenti, nelle nomine, nei titoli, nelle burocrazie.
Le vocazioni siano riconosciute in ogni persona, senza discriminazione, dalla comunità stessa, e quindi fatte emergere e proposte a servizio. Questo cambierebbe l’intero panorama del clero (in estinzione), anzi abolirebbe il dualismo clero-popolo, e lascerebbe spazio allo spirito e all’ekklesìa, l’assemblea, variopinta dei suoi diversi carismi.
* Giacomo D’Alessandro cura il blog di padre Domenico Pizzuti. Si occupa di comunicazione, chiesa, intercultura e cammini sociali. http://ilramingo.webs.com
Previous RENZI A CATANIA DOMENICA PROSSIMA CHIUDE LA FESTA NAZIONALE DE L'UNITA'.
Next Corea del Nord annuncia, effettuato 5/o test nucleare

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

NAPOLI ,ZIELINSKI :”PENSIAMO PARTITA DOPO PARTITA ! VOGLIAMO DARE IL MASSIMO”

“Noi siamo lì, mancano tante giornate alla fine e l’unico obiettivo è quello di cercare di vincere il più possibile pensando partita dopo partita” .Cosi si è espresso il centrocampista del

ultimissime

I CAMPIONI DEL NAPOLI: DI NUOVO IN CAMPO DOPO 30 ANNI

Per ricordare il primo scudetto della squadra azzurra, questo pomeriggio allo stadio San Mauro di Casoria (Napoli) sono scesi sul rettangolo verde le vecchie glorie partenopee contro una rappresentativa di

ultimissime

Il Garante dei detenuti Samuele Ciambriello, a pranzo presso l’istituto minorile di Airola, in occasione delle festività pasquali.

Nella giornata di oggi, giovedì Santo, il Garante dei detenuti Campano, Samuele Ciambriello, con il suo staff, in vista delle festività pasquali, si è recato presso l’istituto minorile di Airola

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi