DROGA, 11 ARRESTI A NAPOLI

Due nuove ordinanze di custodia cautelare – emesse nell’ambito del medesimo procedimento dal gip del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia – sono state eseguite dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Torre Annunziata e dai finanzieri del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Salerno nei confronti di 11 persone (per nove è stata disposta la custodia cautelare in carcere, per altri due gli arresti domiciliari) ritenuti promotori o affiliati o agevolatori di una nuova associazione mafiosa armata, il cosiddetto clan Batti, operante nei comuni di San Giuseppe Vesuviano, Terzigno e zone vicine. Le 11 persone risultano indagate, a vario titolo, per i reati di associazione per delinquere di tipo mafioso, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione illegale di arma da fuoco, estorsione e violenza privata, aggravate dal metodo mafioso e dallo scopo di favorire il clan Batti.

Previous ROMA , DE ROSSI ANNUNCIA L'ADDIO
Next Nasce il progetto "Grand Tour", per promuovere le bellezze della Campania

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

ABUSIVISMO: LA REGIONE CAMPANIA PROPONE UNA LEGGE PIU’ SEVERA CHE PREVEDE IL CARCERE DA 3 A 5 ANNI

La proposta lanciata dalla Regione Campania al Parlamento, al Governo, alle associazioni perché la facciano propria e la trasformino in una nuova legge  che prevede da tre a cinque anni

Qui ed ora

Terremoto: Pittella e Toia, Regioni e Governo attivino fondo europeo calamità naturali

Si resta annichiliti e senza parole di fronte a tragedie di questo tipo. Ora però é il tempo di fare tutto il possibile in termini di uomini e risorse per

Qui ed ora

FEDERICO II, OGGI SCATTA LA PROTESTA DEI DOCENTI UNIVERSITARI: CHIEDONO VERTENZA SUGLI SCATTI E NUOVI CONCORSI

In queste ore diversi docenti dell’università della Federico II di Napoli e tanti altri docenti di altre università italiane stanno scioperando come accordato con la Commissione di Garanzia mettendo in

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi