DUE PASSI IN CENTRO”, UNA CAMPAGNA SENIOR ITALIA FEDERANZIANI PER L’ATTIVITA’ FISICA E LA QUALITA’ DELLA VITA DEI SENIOR

Per sensibilizzare pubblica opinione e Istituzioni sull’ importanza del mantenimento dell’attività fisica – e in particolare del camminare – tra la popolazione senior, SENIOR ITALIA FEDERANZIANI promuove, con il contributo non condizionante di Menarini, la campagna “Due passi in centro”.

La campagna prevede 80 manifestazioni sul territorio nazionale, attraverso il coinvolgimento dei Centri Sociali per Anziani (CSA) e l’attivazione di collaborazioni con gli enti locali.

Ogni manifestazione prevede l’organizzazione di una passeggiata per gruppi di cittadini senior, culminante in un incontro in piazza o in una sede istituzionale (Regione, Provincia, Comune, Asl, etc).

Come detto, in questo modo si intende sensibilizzare la popolazione sull’importanza del camminare per la salute, per l’invecchiamento attivo, per la prevenzione e la migliore gestione delle patologie croniche, in particolare quelle cardiovascolari e respiratorie (BPCO).

Attraverso il coinvolgimento degli enti locali la campagna raggiungerà anche un target istituzionale che sarà sensibilizzato sull’importanza della creazione di condizioni urbanistiche, ambientali e culturali favorevoli all’attività fisica dei senior. La campagna gode dei Patrocini del Senato della Repubblica, di Age.Na.S. (Agenzia Nazionale per i servizi Sanitari Regionali), dell’Istituto Superiore di Sanità, del CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano), dell’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) e di molte Regioni.

Il primo appuntamento è previsto per il 23 gennaio a Foggia; al termine della camminata nel centro della città si terrà un incontro con il Professor Matteo Di Biase – tra i più stimati cardiologi italiani – sui benefici dell’attività fisica per la salute, in particolare dei senior.

L’inattività fisica è universamente riconosciuta come un serio problema di salute pubblica poiché costituisce uno dei principali fattori di rischio nello sviluppo delle patologie croniche, in particolare cardiovascolari e respiratorie. Basti pensare che secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità circa 3,2 milioni di morti ogni anno possono essere attribuiti alla sola inattività fisica.

Il rischio di mortalità prematura causato dagli scorretti stili di vita, di cui la sedentarietà costituisce uno degli elementi salienti, aumenta in modo significativo tra le persone con oltre 65 anni di età, cioè la fascia di popolazione in più rapido aumento in Italia, e maggiormente affetta da patologie croniche o malattie non trasmissibili.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha sollecitato le Nazioni a promuove più diffusamente una strategia semplice quanto efficace per vivere in salute: l’attività fisica.

Tale appello è purtroppo assai scarsamente recepito tra gli anziani.

L’attività fisica tra i senior, invece, è fondamentale perché:

  • Contribuisce a prevenire le patologie croniche e a migliorare la qualità della vita delle persone che ne sono affette

  • Riduce il rischio di morte per malattia cardiaca e di ipertensione

  • Migliora le condizioni di salute del paziente cardiologico scompensato o infartuato

  • Migliora le condizioni di salute delle persone affette da patologie respiratorie

  • Consente ai senior di mantenersi attivi e conseguentemente di continuare a condurre una vita indipendente

  • Riduce il rischio di cadute e fratture ossee

  • Riduce il rischio oncologico e quello di diabete

  • Riduce i sintomi di ansia e depressione e favorisce il sentimento di benessere

  • Aiuta a mantenere la salute di ossa, muscoli e articolazioni

  • Riduce i costi per il SSN prevenendo le patologie predette

Ecco, in base alle raccomandazioni dell’OMS, i livelli di attività fisica raccomandati per gli adulti over 65 anni

1. Gli adulti over 65 anni dovrebbero fare almeno 150 minuti alla settimana di attività fisica aerobica di moderata intensità o fare almeno 75 minuti di attività fisica aerobica con intensità vigorosa ogni settimana o una combinazione equivalente di attività con intensità moderata e vigorosa.
2. L’attività aerobica dovrebbe essere pratica in
sessioni della durata di almeno 10 minuti.
3. Per avere ulteriori benefici per la salute gli over 65 anni dovrebbero aumentare la loro
attività fisica aerobica di intensità moderata a 300 minuti per settimana, o impegnarsi in 150 minuti di attività fisica aerobica di intensità vigorosa ogni settimana, o una combinazione equivalente di attività fisica di intensità moderata e vigorosa.
4. Gli adulti di questa fascia di età,
con una mobilità scarsa, dovrebbero svolgere attività fisica per tre o più giorni alla settimana al fine di migliorare l’equilibrio e prevenire le cadute.
5. Le attività di
rafforzamento muscolare dovrebbero essere fatte due o più giorni alla settimana includendo il maggior numero di gruppi di muscoli.
6. Quando gli adulti di questa fascia di età non possono seguire totalmente il livello previsto raccomandato di attività fisica, a causa delle loro condizioni di salute, essi dovrebbero adottare
uno stile di vita attivo adeguato alle loro capacità e condizioni.

Queste indicazioni sono valide per gli anziani in buona salute, ma anche per gli altri in condizioni meno buone il medico può fornire indicazioni adatte al loro stato.

Senior Italia FederAnziani è la Federazione delle associazioni della terza età, cui aderiscono 3.500 Centri Anziani in tutta Italia, per un totale di oltre 3,5 milioni di aderenti

Senior Italia FederAnziani ha come suoi obiettivi:

  • Promuovere e valorizzare la vita associativa dei senior nei Centri Sociali per Anziani

  • Migliorare la qualità della vita dei senior attraverso l’educazione sanitaria e la promozione dei corretti stili di vita

  • Tutelare la salute dei senior e promuovere l’invecchiamento attivo

Previous A NAPOLI, QUARTO INCONTRO DEL XII CICLO DEL "CAFFE' LETTERARIO SCAMPIA"
Next QUEL CANTO STRUGGENTE DELLA CURVA B

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Smartphone in calo nel 2018, è la prima volta

Il mercato mondiale degli smartphone registra la prima flessione annuale da quando è nato, una decina d’anni fa su impulso dell’iPhone di Apple. Secondo le stime di Strategy Analytics, il

Economia e Welfare

INCIDENTI SUL LAVORO :NEL 2017 ,AUMENTANO LE MORTI BIANCHE

Tra gennaio e dicembre del 2017 sono state presentate all’Inail 635.433 denunce di infortuni sul lavoro (-0,2% rispetto al 2016), 1.029 delle quali con esito mortale (+1,1% rispetto al 2016). Sono

Economia e Welfare

ISTAT: IL PIL NEL TERZO TRIMESTRE DEL 2017 E’ SALITO DELLO 0,5% RISPETTO AL TRIMESTRE PRECEDENTE

L’Istat afferma che il Pil italiano nel terzo trimestre del 2017 è aumentato dello 0,5% rispetto al trimestre precedente e dell’1,8% su base annua. La variazione acquisita del Pil,  per il

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi