Durante la faida “Lupara bianca” , 7 arresti

Antonino D’Andò,  fu vittima di una “lupara bianca” non per nascondere l’omicidio ma per mettere in evidenza che quella era la fine che meritavano coloro che, come lui, non si erano allineati ai nuovi assetti di vertice del clan.Tutto ciò è stato scoperto la Squadra Mobile di Napoli nell’ambito di indagini, coordinate dalla DDA. Di D’Andò,  era legato al boss Carmine Amato, capo dell’omonimo clan ‘scissionista’. Non vedeva di buon occhio l’ascesa al potere di Mariano Riccio, genero di Cesare Pagano, capo dell’altra componente degli “scissionisti”. Un omicidio eccellente ricostruito grazie alle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia. Sette le persone ritenute coinvolte, a cui sono state notificate altrettante misure cautelari. D’Andò finì in una trappola: fu ucciso da un parente della famiglia Pagano durante un finto summit e, secondo quanto si è appreso, poi sciolto nell’acido.

Previous ArteNova & Rockalvi Festival presentano la terza edizione del festival internazionale, Blond's Trip
Next ASSISI, 11MILA CAMPANI AL PELLEGRINAGGIO PER SAN FRANCESCO

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Vomero: ritorna l’incubo spazzatura. Cumuli in diverse strade e piazze, anche con ingombranti

” Anche al Vomero, quartiere collinare del capoluogo partenopeo, torna l’incubo dei cumuli d’immondizia “. A segnalare il mancato prelievo dei rifiuti solidi urbani in alcune zone è Gennaro Capodanno,

Qui ed ora

Asl Napoli 1: è partito il nuovo servizio di ristorazione a ridotto impatto ambientale

Da domenica 1 dicembre 2019 è partito il nuovo servizio di ristorazione negli ospedali di Napoli. Il nuovo appalto pone le basi su un concetto molto semplice e attuale, il

Qui ed ora

PAOLUCCI,BOSSA,PICCOLO E GAMBARDELLA SMENTISCONO DANIELE SULL’APPOGGIO A DE MAGISTRIS

A pochi giorni dal ballottaggio a Napoli,nel PD aumentano dubbi e malessere,dopo lo smacco del primo turno.Il Partito non ha dato indicazioni di voto,chiara scelta per votare scheda bianca o

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi