Ma che partita sta giocando Renzi in queste ore? Non può recitare troppe parti in commedia in contemporanea. Italia Viva è la destra della sinistra?

Matteo Renzi da un pò di tempo dispone chiaramente di meno frecce per il suo arco di quante dichiara di averne. Le prese di posizioni per le regionali in Emilia, Calabria e Puglia, le contraddizioni sulle parlamentarie-suppletive a Napoli, il silenzio sulle prossime regionali in Campania, le questioni di merito sulla prescrizione  e sulla politica economica ci fanno chiedere: a che gioco gioca Renzi? Certo quando sono in difficoltà sia Salvini che Di Maio tirano in ballo sempre Renzi. Lo fanno per difendersi, perchè non si sentono peggiori di Renzi, perchè in cuor loro vogliono arrivare a quel 40% dove è arrivato Renzi. Non lo so. Però alla politica della convenienza, delle furbate fuori tempo,del comicamente vanaglorioso occorre dire basta da tutte le parti. E’ chiaro che Renzi si muove lungo un terreno stretto. Il suo partito personale-Movimento Italia Viva  si colloca tra un minimo del 3,5 % e il 6,2 %. E’ chiaro che l’uomo della scissione ,colui che ha fertilizzato il terreno per un accordo Giallorosso, vive secondo me sia di un pò di confusione tattica che di qualche errore di valutazione sulla quantità del suo elettorato e della sua classe dirigente o legionari tra Camera e Senato.

A prima vista la strategia del leader di Italia viva può sembrare un mistero, e le mosse di Renzi in questi mesi possono sembrare apparentemente incomprensibili e ancora ma che partita sta giocando in queste ore? L’enigma di queste ore non è privo di conseguenze sulla maggioranza e sul governo.Finisce nei noti pasticci delle inchieste sulla sua fondazione, e si paragona in un memorabile discorso parlamentare a Bettino Craxi e ad Aldo Moro. Poi combatte contro la rimodulazione dell’IVA.

L’impressione che si ricava, senza scomodare Ghino di Tacco, altra storia, le  azioni destabilizzanti di Renzi  e quelle di comprimari ai vari livelli(non di alto livello) che lo vogliono imitare,sono solo di distrubo, destabilizzanti. Più che un leader sembra un guerrigliero, un pò grottesco e rancoroso, che ha nel PD e nel Governo, da lui delineato, i suoi avversari quotidiani. Italia Viva più che una forza moderata, centrista e liberale è la destra della sinistra. Il problema di Renzi, a breve, sarà di non poter recitare troppe parti in commedie o soap opera in contemporanea..

Previous IL CORAGGIO DI ZINGARETTI, LA SVOLTA PER IL PD. RINNOVARE, AGGREGARE, RIVOLGENDOSI ALLE PERSONE, AI MOVIMENTI, AL CIVISMO, AL TERZO SETTORE, NON ALLA POLITICA ORGANIZZATA E ALLA NOMEKLATURA.
Next GIORNATA DELLA MEMORIA. LA FOLLIA DELLA MENTE UMANA. L'OLOCAUSTO, LA SHOAH, PER NON CANCELLARE GLI ORRORI DELLA GUERRA E DEL RAZZISMO.

L'autore