RISORGERE E’ TRASCENDERE. IL VERO VOLTO DI DIO. IL RUOLO DELLE DONNE.AUGURI.

Pasqua è un’eperienza di fede, rivela chi è Gesù di Nazaret. Il Cristianesimo non è una dottrina morale,una dottrina teologica su Dio. Esso nasce e si sviluppa da questa fondamentale proclamazione: Gesù Cristo crocifisso è davvero risorto. Risorgere, però, non è rivivere, ritornare a questa vita. Risorgere è trascendere questa vita e superare la morte per sempre. Dobbiamo essere realisti, a volte percepiamo come se Dio ci abbandonasse, ci lasciasse soli in questa valle di lacrime. Qualche volta ci chiediamo anche dove sia la ricompensa per tutto il bene che facciamo. Ecco più che fare domande pensiamo in questa Pasqua a fargli compagnia. Il Risorto, l’eternità nel tempo storico ci aiuta a ritrovare noi stessi.

Con la Pasqua ogni abisso del mondo,ogni violenza,ogni oscurità sono stati inghiottiti da un abisso di bene.

Prima di salire al Calvario Gesù lava i piedi ai discepoli.Il servizio.Dio ai piedi dell’uomo. Novità sconvolgente: Dio non è padrone dell’uomo,ma il suo servitore. Poi istituisce l’Eucarestia,la memoria della continuità dell’incontro e dell’amore. Accetta di essere processato,benchè innocente e all’apice del suo annientamento rivela il vero volto di Dio,che è misericordia,perdona i suoi crocifissori,apre le porte del paradiso al ladrone pentito e tocca il cuore del centurione. Ci sembra tanto distante il modo di agire di Gesù che si è annientato per noi,visto che a noi pare difficile persino dimenticarci un poco di noi.

Egli doveva risuscitare dai morti per trascendere la nostra vita.

E penso alle donne che lo hanno seguito fin sotto la croce,insieme a sua Madre,a loro che lo hanno visto per prime risorgere, perchè hanno su Gesù-obbiettivo la percezione esatta dell’amore. Loro piene di lacrime di gioia e di contrizione rispetto alla tristezza dei peccatori senza speranza. In fondo le lacrime,anche quelle del dolore,sia delle vittime che dei carnefici sono tutte uguali.

Ma si sa, tocca spesso alle donne,da sempre,raccogliere i cocci,rimetterli insieme e curare la Vita.

Nel Vangelo di Matteo non ci sono le apparizioni del Risorto a Gerusalemme, ma in Galilea sul monte..delle beatitudini. Solo vivendo le Beatitudini,vediamo e facciamo esperienza del Signore Risorto.

 

Previous RENZI E' DISPONIBILE A TOGLIERE I CAPILISTA BLOCCATI.POVERI LAEDER DI PARTITI NON POSSONO PIU' COSTRUIRE A TAVOLINO I GRUPPI PARLAMENTARI.
Next EMERGENZA MIGRANTI. PAPA FRANCESCO SFERZA L'EUROPA:"I MIGRANTI SONO PERSONE NON NUMERI.CHI ALZA I MURI NON E' CRISTIANO."

L'autore