Educazione alimentare in mensa: come fare? Ai bimbi piace la mensa a scuola ma solo 1 su 10 mangia tutto

Alimentazione; uno degli argomenti più cult, più chiacchierati, più evoluti ma forse più sconosciuti. Un territorio secondo me massacrato dalla mediaticità e dalle varie mode del momento, da imperfetti canoni di bellezza da raggiungere grazie a diete ‘mangia grasso’ dell’ultimo minuto. quando invece dovrebbe andare di pari passo con‘salute’ e ‘benessere’. Nell’era dell’informazione a portata di ‘click’ già pronte trovi  ‘fonti’ che bypassano gli specialisti ma che promettono risultati strabilianti e soprattutto immediati, easy-to-go. Ma niente di più dannoso è credere ad esaltanti ‘guro last-minute’ che ti dicono cosa devi o non devi mangiare. Ed è proprio a causa di questa profusione di news sull’argomento che spesso perdiamo di mira i veri riferimenti a fattori importanti che invece sono proprio quelli che si ripercuotono sulla nostra salute e che spesso riguardano variazioni socio-economiche del territorio che ci circonda.  Ma alle categorie più a rischio, o alla mercè di mode preconfezionate e preconcette, chi ci pensa? E soprattutto: chi si prende la briga di controllare l’alimentazione dei più piccoli? Oggi sempre di più l’alimentazione dei bambini viene demandata alle Scuole Primarie e Secondarie dove trascorrono ormai la maggior parte del tempo grazie, senza dubbio, ad un servizio a tempo pieno che include anche la mensa. Mail ‘mangiare a scuola’ non è semplicemente occupare un tempo tra un’attività e un’altra o fare le veci genitoriali impegnati nel loro lavoro. Le Mense Scolastiche hanno il compito fondamentale di continuare anche a tavola il compito di educare i ragazzi ad una corretta alimentazione, garantendo ai genitori che li affidano  loro proprio la fiducia nel portare avanti e insieme una crescita sana e consapevole.

Negli ultimi vent’anni il ruolo della mensa è profondamente cambiato, assumendo compiti e obiettivi importanti per la salute presente e futura dei piccoli utenti. Non ha più l’unico scopo di fornire un pasto nutrizionalmente equilibrato e completo, perfetto dal punto di vista igienico-sanitario, ma si veste del nobile fine di prevenire l’obesità e tutte quelle patologie cronico-degenerative, come il diabete, l’osteoporosi, le malattie del cuore o l’ipertensione, causate da un eccesso di peso e da una scorretta alimentazione. Oggi, quindi, alla mensa scolastica, a quel riunirsi tutti ad un tavolo nella pausa tra le lezioni della mattina e quelle del pomeriggio, viene affidato questo importante dovere: promuovere la salute. Nell’introduzione delle Linee guida per la ristorazione scolastica del ministero della salute viene ricordato che tra i diritti dell’infanzia, pronunciati dall’Onu nel 1989, c’è il diritto ad avere “un’alimentazione sana e adeguata al raggiungimento del massimo della salute”. Diritto ribadito nei programmi e nelle strategie di prevenzione dell’obesità dell’Oms e del ministero della Salute a livello mondiale. Far rispettare questo prezioso diritto è, ovviamente, compito di tutti.

La mensa scolastica è da considerarsi un luogo con un potenziale altamente educativo così  come, tutte le altre ristorazioni   in cui l’appartenenza tra i soggetti è continuativa e significativa dal punto di vista affettivo e relazionale (famiglia, comunità residenziali, case di riposo ecc.). Mi spiego meglio, l’ educazione alimentare non è qualcosa che riguarda solo cosa mangio, altrimenti potrebbe essere giusto il principio dell’ autodeterminazione da parte della famiglia, il momento del pasto abbraccia dimensioni che vanno ben oltre al  cibo: cultura, tradizioni, affetti, relazioni, emozioni. Per andare un po’ alle origini, ricordiamo che il primissimo atto d’amore e di relazione, ha come tramite il cibo. Una madre o un caregiver mentre da il latte al neonato lo nutre nel cibo, nell’ affetto e nellla relazione. Questo paradigma rimane inalterato nel tempo. Di conseguenza possiamo intuire quanto il cibo sia fortemente influenzato dai fattori psicologici.

Certo a volte non è sufficiente né la preparazione né la buona volontà degli insegnanti per far mangiare ai bambini i legumi, il pesce e le verdure. Solo un bimbo su dieci mangia tutti i cibi serviti a mensa, ma ben tre su cinque mangiano con piacere a scuola, soprattutto perché possono farlo con i loro compagni. Oltre la metà dei genitori e dei docenti afferma che vengono serviti prodotti stagionali, meno di uno su tre prodotti biologici. Circa due su tre afferma che le porzioni sono equilibrate e il menù sufficientemente vario. Questi sono gli spauracchi di quasi tutti i bambini,  i progetti di educazione alimentare forse rappresentano la strada principale per cambiare  gli   atteggiamenti di rifiuto. I progetti educativi, come indicato dal MIUR, sono esperienze attive in cui il bambino ed insegnanti sono i protagonisti  delle  conoscenze. Per realizzare un reale cambiamento è quindi necessario coinvolgere tutti, ma proprio tutti i soggetti che partecipano al pasto: bambini, insegnanti, cuochi, personale ausiliario della mensa, ditte di ristorazione e genitori. Si comprende subito di quanti piani d’intervento necessita un buon progetto educativo: incontri di formazioni con insegnanti e genitori, supporto ai cuochi ed al personale ed un percorso educativo specifico da attuare con il gruppo classe.

Previous Le cinque "d" di Diesel in un libro retrospettiva per festeggiare 40 anni rivoluzionari
Next ALLA SCUOLA DELL’ASCOLTO: CRITICITÀ E BUONE PRASSI PER LE CARCERI CAMPANE

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Al via la ventinovesima edizione di Futuro Remoto. Tema dell’edizione di quest’anno, le “Frontiere”

  Le “ Frontiere”, con questo tema assolutamente attuale, Futuro Remoto, giunto quest’anno alla sua 29° edizione, si rinnova e “cambia pelle” e da Bagnoli “invade “ il cuore della

Approfondimenti

I REGALI DI NATALE DEL 2017 DEGLI ITALIANI SPAZIANO DAI CELLULARI ALLA TECNOLOGIA

Si avvicina il natale e anche la lista regali va conclusa. Tale lista va dallo  smartphone all’altoparlante portatile quasi “smart”: il regalo a Natale è tecnologico, meglio se a prezzi

Approfondimenti

IL BELVEDERE DI SAN LEUCIO : IL SOGNO DI RE FERDINANDO

Il Complesso Monumentale del Belvedere di San Leucio, nasce dal sogno di Re Ferdinando di dar vita ad una comunità autonoma. Il re Carlo di Borbone, consigliato dal ministro Bernardo

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi