ELENA FERRANTE, LA SCRITTRICE MISTERIORA APPRODA, CON I SUOI ROMANZI, IN TV

È, senza dubbio, la scrittrice del momento, uno dei casi letterari più interessanti e dibattuti del mondo intero. È Elena Ferrante, l’autrice senza volto che, prossimamente, “apparirà” sugli schermi televisivi, con i suoi ormai celebri romanzi, in una serie tv.
Ma andiamo per gradi.
Della novellista si sa poco o niente per sua scelta: “I miei romanzi devono avere vita propria. Il mio volto in copertina o la mia presenza alle presentazioni non aggiungerebbe nulla di interessante”.
Sembrano certe, al momento, soltanto le sue origini legate alla città di Napoli, straordinaria protagonista dei suoi romanzi.
Elena Ferrante si afferma tra i confini nazionali prima di valicarli per conquistare anche terre straniere, su tutte l’America, in cui, da alcuni dei giornali più autorevoli, tra cui il New York Times, viene inserita, con il quarto capitolo de “L’Amica Geniale” tra i migliori romanzi del 2015.
Ed è proprio la saga de “L’Amica Geniale” a darle la popolarità che oggi le viene riconosciuta. Quattro libri, una storia di due amiche-nemiche che ha luogo dapprima nella Napoli anni ’50, fino a crescere con le protagoniste, Lila e Lenù, e l’intrecciarsi, il rovesciarsi dei loro destini.
“The Neapolitan Novels”, ecco il nome che prenderà la suddetta storia, tratta dalla quadrilogia, una volta che verrà trasmessa sugli schermi di casa nostra attraverso un’avvincente, nuova serie tv.
La Ferrante, che collaborerà alla stesura delle sceneggiature, verrà affiancata da Domenico Procacci della Fandango, casa di produzione della serie in otto puntate per ogni stagione-libro.
Come, però, già accaduto per i suoi romanzi, “L’Amiga Geniale”, o “The Neapolitan Novels”, venderà i suoi diritti all’estero. A tale scopo è da intendersi l’affiancamento della Wildside di Lorenzo Mieli e Mario Gianani, che ne sottolinea la svolta internazionale.
Ma chi se ne accaparrerà i diritti? Ancora non è chiaro quale sarà l’emittente televisiva che trasmetterà le quattro stagioni in programma. In un primo momento, circa un paio di anni fa, fu la Rai ad avviare il progetto di portare in tv i primi tre capitoli, che già vantavano circa centinaia di migliaia di copie vendute in tutto il mondo.
Con l’uscita del quarto volume, però, la nomina al Premio Strega 2014, e l’interessamento di Fandango e Wildside, ad essere in pole position potrebbe essere passata l’emittente privata Sky, già detentrice dei diritti, sempre con la Fandango, della fortunatissima Gomorra.
Quello che tutti si chiedono, però, è: questa svolta televisiva porterà a svelare l’identità della fortunata autrice? Difficile crederlo, lecito desiderarlo.
E, intanto, Napoli si affaccia, ancora una volta, al Mondo grazie alla cultura e agli autori che ne raccontano tutte le sfaccettature, i vizi, pregi, difetti e, soprattutto, le persone, come Lila e Lenù.
Le date di pubblicazione di questa nuova, avvincente fiction, tuttavia, ancora non si conoscono. Ai curiosi non resta che lasciarsi guidare, attraverso la lettura, dalla propria fantasia, prima di vederla, finalmente, messa in scena anche alla tv.

Previous VINCENZO DE LUCA IN VISITA ALLO STABILIMENTO ADLER DI AIROLA, IN PROVINCIA DI BENEVENTO
Next AVVOCATURA E FACEBOOK

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

PEPPE BARRA INAUGURA IL “FESTIVAL DELL’ERRANZA “: IL 5 MAGGIO A PIEDIMONTE MATESE APRE LA V EDIZIONE

Il cammino artistico di Peppe Barra, iniziato più di cinquant’anni fa, farà tappa il 5 maggio 2017 a Piedimonte Matese (CE). L’apertura primaverile del “Festival dell’Erranza” è affidata e dedicata

Cultura

Il “Sabato delle idee” ritorna al Suor Orsola Benincasa con la sua terza edizione

“Le nuove frontiere dei beni culturali” saranno il tema del terzo appuntamento dell’edizione 2015 de “Il Sabato delle Idee” che si svolgerà sabato 18 Aprile alle ore 10 nella Sala

Cultura

“Anime bianche” Un videoclip con la Cgil per Nando Misuraca : “Vi racconto mio padre, una morte bianca ancora in cerca di giustizia”.

“53 anni, moglie e due figli, morto in una voragine a Napoli nel ’99, dopo vent’anni ancora senza giustizia. Era mio padre”. A parlare è Nando Misuraca, cantautore, giornalista e produttore

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi