ELEZIONI REGIONALI CAMPANIA 2015, GUIDA AL VOTO

 

I cittadini campani si recheranno alle urne il 31 maggio, dalle ore 7 alle ore 23, per eleggere il presidente della Giunta regionale ed i 50 componenti del Consiglio regionale.

È proclamato eletto presidente della Giunta regionale il candidato che ha conseguito il maggior numero di voti validi in ambito regionale. Il presidente eletto è, di diritto, componente del Consiglio regionale, così come il candidato alla carica di presidente che consegue un numero di voti validi immediatamente inferiore a quello del candidato proclamato presidente.

Il Consiglio Regionale si compone di 50 consiglieri eletti nelle rispettive circoscrizioni elettorali delle 5 province campane, così ripartiti:

  • n. 27 consiglieri per la circoscrizione di Napoli
  • n. 9 consiglieri per la circoscrizione di Salerno
  • n. 8 consiglieri per la circoscrizione di Caserta
  • n. 4 consiglieri per la circoscrizione di Avellino
  • n. 2 consiglieri per la circoscrizione di Benevento

I consiglieri vengono eletti con criterio proporzionale, sulla base delle liste circoscrizionali provinciali con applicazione di un premio di maggioranza legato al presidente eletto.

In virtù del premio di maggioranza, le liste collegate al candidato proclamato eletto alla carica di presidente della Giunta regionale ottengono almeno il sessanta per cento dei seggi del Consiglio. Nel calcolo delle percentuali di seggi del Consiglio non è conteggiato il seggio che spetta al presidente eletto.

COME ESERCITARE IL DIRITTO DI VOTO

Per poter esercitare il diritto di voto, gli elettori dovranno presentarsi al seggio di riferimento muniti di scheda elettorale e documento di riconoscimento valido.

La votazione per l’elezione del Presidente della Giunta regionale e per l’elezione del Consiglio regionale avviene su un’unica scheda di colore verde. La scheda è suddivisa in parti uguali: nelle  parti  a  sinistra  sono  riportati  i  simboli  della  lista  o  delle  liste  collegate  a ciascun candidato presidente, laddove siano state presentate e ammesse; nelle parti a destra sono indicati i candidati presidente; accanto ad ogni lista è riportato lo spazio per esprimere le

preferenze per i candidati consiglieri regionali.

Ciascun elettore può votare solo per il candidato presidente tracciando un segno sul nome; in questo caso il voto non si estende ad alcuna delle liste collegate.

Nel caso in cui l’elettore tracci un unico segno sulla scheda a favore di una lista, il voto s’intende espresso anche a favore del candidato presidente ad essa collegato.

Ciascun elettore può, altresì, votare per una lista e per un candidato alla carica di Presidente, non collegato alla lista prescelta (cosiddetto voto disgiunto).

L’elettore può esprimere, nelle apposite righe della scheda, uno o due voti di preferenza, scrivendo almeno il cognome dei due candidati consiglieri compresi nella lista stessa.

Nel caso di espressione di due preferenze, una deve riguardare un candidato di genere maschile e l’altra un candidato di genere femminile della stessa lista, pena l’annullamento della seconda preferenza.

Fonte: http://elezioni.regione.campania.it/

Previous SI AVVICINANO LE ELEZIONI, MA QUANTI ANDRANNO A VOTARE?
Next DIETA MEDITERRANEA RIDUCE IL RISCHIO DEL CANCRO DELL'UTERO

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

De Rossi, Unisannio: “Col finanziamento sulle borse di studio stanziato da De Luca e dalla Regione Campania si può combattere l’abbandono delle Università”

“Il presidente De Luca lo aveva annunciato, col nuovo finanziamento tutti gli aventi diritto e gli studenti meritevoli avranno accesso a borse di studio, solo così può diminuire il numero

Officina delle idee

UNIVERSITÀ: NEL 2017 4,6 MILIONI DI STUDENTI SI TRASFERISCONO ALL’ESTERO PER STUDIARE

Nel 2017 sono stati  ben  4,6 milioni gli studenti che hanno scelto di continuare il proprio percorso formativo o lavorativo all’estero . Infatti un milione ha scelto come destinazione gli

Officina delle idee

RITORNANO GLI SMS, DOPO LA CHAT

Gli sms  tornano in auge grazie alla comunicazione aziendale. Secondo un’indagine,  circa due terzi del mondo business in Europa quest’anno userà gli sms per mantenersi in contatto con i clienti.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi