Elezioni suppletive Senato, il rapper Lucariello: “Su Rousseau è una lotta tra ‘clan’”

“Ringrazio commosso tutti quelli che mi hanno votato e che mi hanno sostenuto. È chiaro che non mollerò mai, già oggi torno in studio e in settimana dai miei ragazzi in carcere. Quello che mi rattrista è che oramai la piattaforma Rousseau non ha nessun rapporto con la realtà dell’attivismo. Non volevo crederci. Non parlo dei meetup parlo di una corsa a chi ha il “clan” con più iscritti. È una lotta tra clan e le armi sono liste di iscritti che votano a comando. Un seggio così importante per la politica nazionale non può essere assegnato così. A me sembra una truffa.” Lo dichiara il rapper napoletano Luca Caiazzo, in arte Lucariello, candidato a M5S per le elezioni suppletive 2020 collegio uninominale  Campania-07 per il Senato della Repubblica.

“Va bene scrivere messaggi, incoraggiare nelle chat amici attivisti, ma non va bene crearsi lo zoccolo duro e fare il bello e cattivo tempo. Non mi riconosco in questo, non ho fatto iscrivere né mia moglie né mio fratello e i miei genitori perché solo simpatizzanti e non attivisti. Ho già scritto a Rousseau per aumentare i controlli e, siatene certi, non mollerò. Mai.” 

Previous STEFAN SCHWOCH A GLOBULI AZZURRI: “LA JUVE HA CALCIATORI FORTI, IL NAPOLI COMPRA SOLO PROMESSE E SPERANZE. ADESSO DEVE TROVARE SENRENITA’”
Next Domenica 19 Gennaio, Tony Colombo e Tina Rispoli ospiti da Gilletti

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

REGGIA DI CASERTA: CROLLA L’ INTONACO IN UNA DELLE SALE DEGLI APPARTAMENTI STORICI APERTI AL PUBBLICO

Vi e’ stato un crollo nella ‘stanza delle dame’, una delle sale degli appartamenti storici della Reggia di Caserta aperti al pubblico, infatti a cedere è stata una parte dell’intonaco,

Qui ed ora

STATI UNITI , TRUMP :” MIO DIRITTO CONDIVIDERE LE INFORMAZIONI CON LA RUSSIA “

“Come presidente volevo condividere con la Russia (in un incontro alla Casa Bianca programmato ufficialmente), cosa che ho assolutamente il diritto di fare, alcuni fatti relativi al terrorismo e alla

Qui ed ora

Stati Uniti: nuovi provvedimenti per 5 milioni di clandestini

Anche gli Americani sono stati degli immigrati. A ripeterlo è stato Barack Obama, nel discorso tenuto alla Casa Bianca lo scorso giovedì, 20 novembre, in cui annunciava una nuova direzione

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi