Elio Pariota.”La debolezza italiana tra Medio Oriente e Libia.Occorre trovare il bandolo della matassa.”

Nel groviglio della crisi mediorientale scaturita dall’uccisione del generale iraniano Soleimani da parte degli USA, l’Italia appare drammaticamente defilata. E non soltanto perché il segretario di Stato americano – Mike Pompeo – ha informato a cose fatte inglesi, tedeschi e francesi, escludendo in prima battuta i nostri governanti; ma soprattutto per il fatto che l’incendio libico – praticamente alle porte di casa – andrebbe affrontato con una strategia in linea con la nostra prestigiosa tradizione diplomatica. Invece si fatica non poco a trovare il bandolo della matassa. E a pochi chilometri da una regione in sommossa questa debolezza rischia di diventare esiziale. Non si può non andare col pensiero a 35 anni fa, quando la crisi di Sigonella segnò la temporanea rottura tra il governo Craxi e la Casa Bianca guidata da Ronald Reagan. Una frattura in seguito ricomposta, ma che conferì all’Italia dignità e rilevanza geopolitica. Altri tempi. Altri uomini

Previous Mara Venier debutta in radio sulla Rai con il programma «Chiamate Mara 3131»
Next Il Napoli fa ancora regali: anche contro la Lazio. Ancora una volta si resta al palo! Silvio Elia Ferrara:"Segnali positivi ci sono."

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Cozzolino(PD):”Napoli deve ritornare al centro dell’attenzione europea e nazionale”

Andrea Cozzolino, europarlamentare del PD, è intervenuto a Dentro i Fatti, il settimanale di approfondimento politico e culturale in onda sulle frequenze di Radio Club 91 tutti i lunedì. Cozzolino

Officina delle idee

LA SESTA SEZIONE DEL REPARTO MEDITERRANEO DI SECONDIGLIANO VINCE IL TORNEO DI CALCETTO:”DIAMO UN CALCIO ALL’INDIFFERENZA”,PROMOSSO DALL’ASS.LA MANSARDA

“OLTRE LE MURA DELL’INDIFFERENZA” , il progetto promosso dall’associazione “La Mansarda” presieduta da Samuele Ciambriello, nel Carcere di Secondigliano ha visto oggi la finale tra due sezioni del reparto Mediterraneo.

Officina delle idee

Le novita di Fiat-Chrysler e la filiera autoveicolare italiana

E’ di lunedì scorso l’annuncio dell’ad di Fiat Chrysler Automobiles, Sergio Marchionne, di 1000 nuove assunzioni nello stabilimento di Melfi (PZ) e della fine della cassa integrazione per circa 500

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi